Addio tessera del tifoso, ora sarà una fidelity card

Stop dell'osservatorio. "Puntiamo a fidelizzare le tifoserie". L'ex ministro dell'Interno Maroni non ci sta e attacca la Roma calcio e la Cancellieri: "hanno vinto i violenti"

E' finita l'era della tessera del tifoso. Ora è il momento di una vera "fidelity card". Lo ha comunicato Antonello Valentini, direttore generale della Figc. Meno controlli, quindi, per le tifoserie. Si punta sul "senso alla responsabilità dei tifosi e dei club, con procedure snellite e molti servizi per chi se ne dota". Unico obbligo di fidelizzazione, per le trasferte. Senza card, non si potrà seguire la propria squadra lontano dalla città. 

"Dopo aver lavorato a lungo con il capo della polizia Manganelli" ha spiegato Valentini "abbiamo il riscontro dell'osservatorio sulle manifestazioni sportive: l'evoluzione ci porta verso un modello simile alla card "vivo azzurro" per i tifosi della nazionale".

Il vicecapo dell'Osservatorio sulle manifestazioni sportive, Roberto Massucci, saluta la tessera del tifoso "che ha dato risultati straordinari". 

E se i gruppi organizzati e le curve esultano, una nuova polemica viene innescata da Roberto Maroni. L'ex ministro degli Interni attacca la Roma calcio e l'attuale ministro Cancellieri, tifosa giallorossa: "hanno vinto le tifoserie ultras e violente" e società "come la Roma che mai avevano accettato le regole". Chiaro il riferimento di Maroni al carnet di biglietti per le partite in casa che la Roma ha deciso di mettere in vendita a partire dal girone di ritorno, acquistabili anche dai tifosi non tesserati. Secondo Maroni, una sorta di abbonamento camuffato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buoni fruttiferi postali, il "brutto pasticcio" sui rimborsi

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 20 febbraio 2020

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 18 febbraio 2020

  • C'è posta per te, Maria De Filippi perde la pazienza: "Non ce la posso fa"

  • Heather Parisi: "La mia vita in Cina nell'inferno del Coronavirus. Qui si lavora da casa, i prodotti sono razionati"

Torna su
Today è in caricamento