Salvini: "L'aggressione al sindaco di Massa è nazismo rosso"

Francesco Persiani e l'assessore alla cultura Veronica Ravagli contestati a Firenze da un gruppo di antagonisti. Dura la reazione del leader della Lega: "Una parte della sinistra non ha fiducia nella democrazia". Il video dell'accaduto

Matteo Salvini

"Quando una certa parte della sinistra non ha fiducia nella democrazia, ricorre all’odio e alla violenza fisica. Purtroppo è una storia già vista ed è richiesta la massima vigilanza da parte di tutti. Questo non è dibattito di idee, anche acceso: questo è NAZISMO ROSSO". Lo scrive Matteo Salvini su Facebook commentando così l'aggressione al sindaco di Massa, con tanto di foto di uno dei contestatori e la maxiscritta: 'Ecco i democratici di sinistra che sputano al sindaco di Massa'.

Il sindaco di Massa, Francesco Persiani, e l'assessore alla cultura del comune apuano, Veronica Ravagli, erano stati contestati l'altra sera a Firenze da un gruppo di antagonisti in via Aretina, a poche centinaia di metri dal Tuscany Hall, dove i due rappresentanti dell'amministrazione comunale erano diretti per partecipare a una cena elettorale con il leader della Lega Matteo Salvini.

L'aggressione al sindaco e all'assessore di Massa

Nel video girato dall'assessore (in basso) si possono vedere alcuni ragazzi, uno in particolare, che inveiscono contro la donna. "Siamo stati accerchiati - ha dichiarato Veronica Ravagli - erano quaranta e nessuno che potesse aiutarci, solo una povera vigilessa che ha fatto quel che ha potuto".

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Ravagli ha raccontato di essere stata avvicinata dagli antagonisti, di essere stata prima aggredita verbalmente e, quando ha preso il telefono per filmare, di essere stata strattonata. A quel punto le è caduto a terra lo smartphone con il quale stava riprendendo l'aggressione.

Anche il sindaco di Massa ha confermato quanto accaduto, aggiungendo: "E' incredibile pensare di venire a Firenze ed essere aggrediti, ci hanno offesi e hanno cercato di buttarci a terra i telefoni".

Fonte: Facebook →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento