Mandare i propri figli a un asilo "no vax" è pura follia: Burioni spiega perché

La vicenda dell'asilo no vax di Villacidro ha avuto risalto a livello nazionale: parla Roberto Burioni, il medico e divulgatore scientifico noto per i suoi interventi contro la disinformazione

La vicenda dell'asilo di Villacidro, abusivo, frequentato da figli di genitori no-vax, ha avuto risalto a livello nazionale. La scuola era stata attivata senza alcun tipo di autorizzazione, e in totale assenza dei requisiti richiesti per l'avvio di una struttura educativa. La scuola materna permetteva di aggirare agevolmente le norme sui vaccini: il passaparola tra le famiglie della zona contrarie all'obbligo vaccinale l'aveva fatto conoscere. 

Il quotidiano Unione Sarda ha sentito il parere di Roberto Burioni, il medico e divulgatore scientifico noto per i suoi interventi sui social media, sui giornali e in tv contro la disinformazione in materia di vaccini. "Non vaccinare i propri figli è una follia, ma mettere insieme tanti bimbi non vaccinati è una follia doppia. Una delle cose più pericolose che si possono fare" spiega Burioni, che aggiunge: "Sapete dove si è sviluppata, agli inizi degli anni Novanta, l'ultima drammatica epidemia di poliomelite, malattia che semina morte e malformazioni? In Olanda, all'interno di una comunità chiusa che aveva scelto di non vaccinarsi per motivi religiosi. Qui la religione non c'entra, ma la dinamica è la stessa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"A volte rimango strabiliato di fronte alla stupidità umana. Questa è una di quelle volte. Sottoponete i vostri bimbi alle vaccinazioni e fatelo con la massima tranquillità"

Fonte: L'Unione Sarda →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento