Sri Lanka, negli attentati morti tre dei quattro figli del miliardario patron di Asos

Ancora non si sa quale dei figli di Anders Holch Povlsen sia sopravvissuto

Anders Holch Povlsen insieme alla moglie (foto Ansa)

Negli attentati di Pasqua in Sri Lanka tra le vittime ci sono anche tre dei quattro figli del miliardario danese Anders Holch Povlsen, patron del sito di e-commerce di moda e cosmesi Asos. A riferirlo è il quotidiano britannico Guardian.

Nei giorni precedenti la tragedia, una delle figlie di Povlsen, Alma, aveva pubblicato su Instagram un’immagine dei tre fratelli (Astrid, Agnes e Alfred) a bordo piscina in un albergo. Non è chiaro ancora quale dei ragazzi sia sopravvissuto.

alma povlsen instagram-2

Posso confermare che tre ragazzi sono rimasti uccisi. Non abbiamo al momento altri commenti da fare e chiediamo rispetto per la privacy della famiglia”, ha fatto sapere il responsabile della comunicazione di Asos.

Povlsen, che ha ereditato a 28 anni dal padre la guida della catena di negozi di abbigliamento Bestseller, è considerato il maggior proprietario terriero di Scozia, dopo aver comprato una serie di storiche proprietà. Il miliardario e sua moglie, Anne Storm Pedersen (conosciuta quando questa lavorava in uno dei suoi negozi) possiedono circa 80mila ettari di terra nelle Highlands.

Fonte: Guardian →

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Concordo pienamente!!

  • La storia ha insegnato che muore chi è destinato, ossia chi si trova nel posto "sbagliato" al momento "sbagliato". La morte livella l'umanità, ignora tutte le diversità create dall'uomo.

Più letti della settimana

  • Sport

    Giro d'Italia 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Elezioni europee 2019

    Elezioni europee 2019, la guida al voto: tutto quello che c'è da sapere

  • Love & corn

    Matrimonio Pamela Prati, Georgette crolla: "Ho ricostruito il puzzle. Ora ho paura"

  • Meteo

    Meteo, sorpresa "amara": ecco quando arriva finalmente il caldo

Torna su
Today è in caricamento