"I bambini dell’Isis imprigionati e torturati"

Un rapporto di Human Rights Watch denuncia violenze, torture e detenzioni arbitrarie ai danni di molti dei 1500 minori sospettati di far parte dell’Isis

Un rapporto di Human Rights Watch denuncia l’uso della tortura nei confronti di molti dei 1500 minori sospettati di far parte dell’Isis catturati da curdi e forze di sicurezza irachene in Iraq durante la lunga guerra ai miliziani dello Stato Islamico.

Un documento di 53 pagine precisa che sia il governo iracheno che quello regionale del Kurdistan sarebbero responsabili di detenzioni arbitrarie e di aver estorto confessioni con la tortura.

bambini isis-5

Baghdad ed Erbil hanno respinto le accuse e ribattuto che tutti i processi si sono svolti “nel rispetto delle leggi" ma nella denuncia della ong vengono pubblicate numerose testimonianze tra cui quelle di 19 minori che raccontano anche di torture.

"Picchiati con tubi di gomma, sottoposti a scosse elettriche o appesi per i polsi o per le caviglie".

isis infografica-2

"Questo è un approccio punitivo, non di giustizia, che avrà conseguenze negative per il resto della vita delle vittime” spiega Joe Becker, responsabile dei diritti dei bambini di Hrw.

"Molti - racconta - dicono di essersi uniti all’Isis per poter mangiare o per timore di essere uccisi." 

Fonte: HRW.org →

Potrebbe interessarti

  • La bufala della dieta che fa vivere "fino a 120 anni"

  • Arriva la Carta d'Identità Alimentare: mangiare "fuori" diventa facile (e sicuro)

  • Potassio: come assumerlo e perché fa bene a cuore, reni e ritenzione idrica!

  • Tendenza trucco: come realizzare lo strobing, la nuova tecnica per illuminare il viso

Più letti della settimana

  • Saldi estivi 2019, tutte le date regione per regione: il calendario completo

  • Tina Cipollari pazza d'amore, regalo super lusso per i 50 anni di Vincenzo Ferrara (FOTO)

  • Temptation Island 2019: puntate, anticipazioni e coppie

  • Autostrade, rivoluzione pedaggi al via: che cosa cambia con il nuovo sistema

Torna su
Today è in caricamento