"Banca Etruria, indagato il padre della Boschi"

Secondo le ultime indiscrezioni, la procura di Arezzo avrebbe aperto un nuovo fascicolo per indagare sulla vendita di obbligazioni considerate rischiose ai clienti retail che non avrebbero avuto il profilo per acquisirle. Tra i 21 indagati ci sarebbe anche Pier Luigi Boschi

Pier Luigi e Maria Elena Boschi

Bufera sulla procura di Arezzo e sulla vicenda dell'ex Banca Etruria. Secondo quanto riporta Repubblica, ci sarebbe un nuovo fascicolo dell'inchiesta che riguarda la vendita di obbligazioni considerate rischiose ai clienti retail che non avrebbero avuto il profilo per acquisirle. Tra le persone indagate ci sarebbero i membri del consiglio d'amministrazione della banca presieduto da Giuseppe Fornasari e anche Pier Luigi Boschi, padre del sottosegretario Maria Elena, che all'epoca dei fatti ricopriva la carica di vicepresidente.

Una notizia da prendere con le pinze, visto che soltanto giovedì scorso il procuratore Roberto Rossi aveva escluso durante  l'audizione della Commissione d'inchiesta sulle banche qualsiasi coinvolgimento di Pier Luigi Boschi nelle indagini. “Non è indagato per il reato di bancarotta” aveva aggiunto il pm Rossi, asserendo che Boschi non avrebbe mai partecipato alle riunioni degli organi della banca che hanno deliberato finanziamenti finiti poi in sofferenza e che hanno portato al fallimento della banca.

Dopo le ultime indiscrezioni sul nuovo fascicolo aperto per indagare sul cda di Banca Etruria, il pm Roberto Rossi ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Tutto quello che avevo da dire l'ho detto giovedì in commissione d'inchiesta sulle banche”. 

Fonte: La Repubblica →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento