Bossetti, parla il parroco: "Mi è sembrato un uomo buono, non sta a me giudicare"

Don Renato Belotti, parroco della chiesa di San Vittore martire di Terno d'Isola, dopo il funerale del padre di Bossetti ha detto: "La giustizia è umana, il perdono e la misericordia sono divini"

"La giustizia è umana, il perdono e la misericordia sono divini". Questo il pensiero di don Renato Belotti, parroco della chiesa di San Vittore martire di Terno d'Isola, sulla situazione di Massimo Bossetti, il presunto assassino di Yara Gambirasio, che questa mattina ha partecipato ai funerali del padre legittimo Giovanni e che, a un certo punto della funzione, ha preso la parola per esprimere il suo ultimo saluto nei confronti del genitore scomparso il giorno di Natale all'età di 73 anni.

Don Belotti non ha voluto esprimersi sul "passato tumultuoso" di Bossetti: "Sono tutti figli di Dio - ha sottolineato incontrando i giornalisti fuori dal cimitero di Terno d'Isola - questa mattina di fronte a me non avevo una persona straordinaria, ma un figlio che ha perduto suo padre. Mi ha dato l'impressione di una persona buona dentro di se".

Nessuna valutazione sul processo che vede Bossetti imputato per l'omicidio di Yara Gambirasio: "Boh, non so, non sta a me giudicare. Prendo atto della situazione e del coraggio che ha avuto di voler dire qualcosa". Poi un'altra precisazione: "La giustizia è umana, il perdono e la misericordia sono divini. Sono due ambiti diversi. La giustizia umana farà il suo corso".



Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • chi ha commesso quel delitto è sostanzialmente uno psicopatico, ciò non signi@#?*%$ che sia "cattivo"...

Più letti della settimana

  • Politica

    Mattarella ferma Renzi, dimissioni congelate fino all'approvazione della legge di Bilancio

  • Politica

    Referendum 4 dicembre, il no stravince: i dati del Viminale

  • Bollori

    Referendum, vince il "no". Paola Saulino mantiene la promessa: sesso orale per tutti

  • Politica

    "Renzi deve andare avanti": resta (anche) segretario del Pd ripartendo dal 40%

Torna su
Today è in caricamento