Napoli sull'orlo del dissesto economico: "Non possiamo licenziare 3.000 dipendenti"

Riccardo Realfonzo è stato assessore al bilancio di De Magistris, con cui "si è lasciato" in maniera burrascosa. Secondo lui la Corte dei Conti ha semplicemente confermato quello che lui sostiene da anni: "Il Comune è in dissesto"

Napoli  è una città in dissesto, tra tasse e immondizia. Lo scrive oggi Andrea Malaguti, inviato a Napoli per il quotidiano torinese La Stampa.

Il capoluogo campano è sull’orlo del collasso economico, ancor di più dopo che la Corte dei Conti ha bocciato il piano decennale di riequilibrio finanziario del Comune partenopeo.

L'elezione a sindaco del magistrato Luigi De Magistris, la rivoluzione arancione, che tante speranze avevano acceso, sono un ricordo già lontano nel tempo, un ricordo un po' sbiadito. Riccardo Realfonzo è stato assessore al bilancio di De Magistris, con cui "si è lasciato" in maniera burrascosa. Secondo lui la Corte dei Conti ha semplicemente confermato quello che lui sostiene da anni: "Il Comune è in dissesto".

A Napoli il Comune deve pagare 10.031 dipendenti con 423 milioni e altri 350 milioni servono per gli stipendi di 8427 assunti delle partecipate. Troppiu, troppi soldi.  Come se non bastasse tutto questo, scrive Malaguti sulla Stampa, su cento multe il Comune riesce a riscuoterne solo tre e nonostante i tremila immobili di proprietà Napoli non è riuscita a chiudere il bilancio in attivo. Realfonzo spiega: "Era necessario riorganizzare la macchina. Ridurre il personale. Ridefinire le priorità. Invece abbiamo le tasse sui servizi più alte d’Italia".

De Magistris racconta un'altra verità ed è convinto che la città si rialzerà. I suoi collaboratori dicono: "Abbiamo gestito una città con un miliardo e mezzo di debiti senza licenziare nessuno. La verità è che abbiamo fatto un miracolo".

"Cacciare tremila persone? Qualcuno lo chiede. Ma si creerebbe una tensione sociale incontrollabile. Non succederà".

Fonte: La Stampa →

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Povera itaGlietta,grazie a dios me ne son scappato dall'inferno e non ci torno neanche in ferie.Posso soltanto dire che ben vi sta popolo bue!Iniziando dalla terra dei fuochi(e' inutile denunciare ora quando gia' si sapevano le cose)

  • Avatar anonimo di Carlo Brancaleone
    Carlo Brancaleone

    Possono tranquillamente licenziare la metà dei dipendenti, non cambierebbe niente, tanto a Napoli quelli che lavorano sono veramente pochi.

  • se continuano ad assumerne 10 persone per fare il lavoro di 1 e li fanno lavorare a 20 ore alla settimana prima o poi crollerà tutto il sistema.

Più letti della settimana

  • Sport

    Giro d'Italia 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Elezioni europee 2019

    Elezioni europee 2019, la guida al voto: tutto quello che c'è da sapere

  • Citta

    Prende reddito di cittadinanza e lavora in nero: ora è nei guai (e non solo lui)

  • Elezioni europee 2019

    Elezioni europee 2019: le liste e i programmi

Torna su
Today è in caricamento