Coronavirus, in Germania le prostitute vogliono tornare a lavorare (con nuove misure di sicurezza)

Tra le regole proposte dalle associazioni, rapporti solo con mascherine (chirurgiche, s'intende) dall'inizio alla fine e massima igiene e sanificazione dei locali. Vietati i rapporti orali, scrive NordBayern.de. Le prostitute devono conservare i contatti dei propri clienti per quattro settimane per poterli informare successivamente in caso di contatti a rischio

Foto archivio

Hanno implementato tutte le misure di sicurezza e di igiene necessarie in questa fase dell'emergenza coronavirus: e chiedono di poter lavorare nuovamente. L'organizzazione che rappresenta parte delle prostitute e delle case d'appuntamento in Germania ha chiesto al parlamento di Berlino di autorizzare la ripresa delle attività, in un momento in cui sono state decise alcune misure di allentamento delle restrizioni imposte per il coronavirus. In una lettera aperta ai membri del Parlamento, l'organizzazione sostiene che - come già avvenuto in altri settori - le prostitute dovrebbero essere autorizzate ad aprire nuovamente le porte ai clienti.

L'organizzazione ha affermato di avere elaborato un piano d'igiene per garantire un lavoro in totale sicurezza. Inoltre, è stato spiegato nella lettera aperta, le prostitute hanno già una consolidata esperienza, nonché un interesse personale, nella protezione della propria salute e in quella dei clienti. La lettera invita i parlamentari a far direttamente visita a una casa d'appuntamenti una volta che saranno revocate le restrizioni, in modo da poter verificare personalmente con i propri la gestione in sicurezza delle attività. Tra le regole proposte da alcune associazioni del settore, rapporti solo con mascherine (chirurgiche, s'intende) dall'inizio alla fine e massima igiene e sanificazione dei locali. Vietati i rapporti orali, scrive NordBayern.deLe prostitute devono conservare i contatti dei propri clienti per quattro settimane per poterli informare successivamente in caso di contatti a rischio. Per ora il governo blocca tutto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le prostitute sono classificate come lavoratori autonomi in Germania, dove la prostituzione è legale da oltre un decennio, ma pochi sono a conoscenza dei loro diritti. Pagano le tasse e hanno teoricamente diritto alle indennità del governo per aiutare i liberi professionisti durante la crisi sanitaria, ma la situazione sanitaria rende molte complicate le prospettive del settore. I bordelli rimangono chiusi per ora. Molti rischiano di non riaprire più. Molte prostitute che lavorano in Germania provengono dall'estero, spesso dall'Est Europa, e sono tornate nel loro paese di origine prima della chiusura dei confini. L'illegalità è in Germania come altrove ampiamente diffusa nel settore. Per necessità, alcune prostitute continuerebbero a lavorare illegalmente anche in queste settimane, scrive Ndr. "Alcune ragazze offrono rapporti sessuali a dieci euro solo per permettersi di mangiare" spiega Stefanie Kohlmorgen della rete femminile di Kiel.  La Germania ha registrato ieri 432 nuovi contagi e 45 nuove morti con Covid-19. LO hanno segnalato le autorità. In tutto al momento i contagiati tedeschi sono 179.002, con 8302 morti.
 

Fonte: NordBayern.de →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento