Tetraplegica a 13 anni, per lei in Italia non ci sono terapie. La Cassazione: “Sì alle cure negli Usa”

La storia raccontata dal Corriere della Sera. Per la piccola Matilde (e per tutti i malati) si tratta di una decisione importantissima

Grazie a un’ordinanza della Corte di Cassazione-Sezione Lavoro, la 13enne Matilde potrà tornare in Florida per continuare a sottoporsi a cure alternative in un centro americano e in questo sarà sostenuta nelle spese dallo Stato italiano.

Una battaglia, quella iniziata dai genitori di Matilde, Michele e Monica, nel lontano 2006 e che oggi, come dice il loro avvocato, con la decisione della Cassazione si è arrivati a una “vittoria per tutti i malati”.

Matilde, racconta il Corriere è nata tetraplegica all’ospedale di Poggibonsi. La legge italiana permette ai malati bisognosi di cure alternative di ricevere terapia fuori dal nostro Paese solo se non esistono da noi alternative efficaci e se i tempi di attesa non sono compatibili con l’urgenza del caso. Matilde rientra in questa specificità, visto che per lei alternative non ce n’erano: negli Usa la medicina iperbarica è personalizzata, graduata in base alla patologia e di qualità superiore.

Nel 2010, “su autorizzazione e col rimborso della Usl 7 Siena che dopo è tornata sui suoi passi probabilmente perché nel frattempo la situazione economica dell’azienda era peggiorata”, la bambina si è sottoposta a un primo trattamento negli Usa, vedendosi però negato il rimborso perché “andavano benissimo le cure nei centri italiani” anche se “nella delibera iniziale la superiorità dell’assistenza specialistica all’estero era stata riconosciuta” e i medici dell’ospedale Meyer di Firenze avevano certificato i suoi progressi. La famiglia di Matilde si è fatta carico anche di un secondo viaggio negli Stati Uniti (70-100mila euro escluso volo e soggiorno) e ora “dovranno essere rimborsati”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Per la prima volta la Cassazione è stata chiamata a esprimersi sul tema dei viaggi della speranza, le trasferte in località estere cui sono obbligati gli italiani che non possono ottenere assistenza con tempestività o in forma adeguata alle condizioni di salute. È la vittoria di tutti i malati. Purtroppo ancora una volta la giustizia non ha risposto in tempi umani. Ecco perché spesso i cittadini desistono e non solo quando c’è di mezzo la salute”, ha detto l’avvocato Mario Cicchetti.

Fonte: Corriere della Sera →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento