Ragazza uccide madre e patrigno: "Mi violentavano, non ne potevo più"

I cadaveri di Rosie Sanchez di 38 anni e Anderson Nunez di 40, sono stati trovati dalla polizia sabato scorso all'interno della loro abitazione: Destiny Garcia rischia l'ergastolo

Potrebbe essere condannata all'ergastolo Destiny Garcia, 15 anni, la giovane adolescente di Brooklyn che ha confessato di aver ucciso la madre e il patrigno per porre fine alla continue violenze sessuali di cui era vittima.

I cadaveri di  Rosie Sanchez di 38 anni e Anderson Nunez di 40, sono stati trovati dalla polizia sabato scorso all'interno della loro abitazione: a ucciderli colpi di arma da fuoco e da taglio.

La polizia è stata avvertita da una telefonata anonima. Il duplice omicidio risaliva a parecchi giorni prima, perché i corpi erano già in decomposizione. I giornali locali scrivono che Destiny avrebbe ucciso anche la madre per aver ignorato a lungo le sue richieste di aiuto contro le violenze sesuali subite dal compagno, ma non solo: la madre stessa avrebbe abusato fisicamente della figlia. 

Si cerca un possibile complice della ragazza, anche lui di 15 anni, che l'avrebbe aiutata a disfarsi delle armi con cui Destiny ha ucciso la madre e il patrigno.



Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Se tutto ciò risponde al vero, parole di plauso nei confronti di Destiny Garcìa. Proscioglimento immediato...altro che ergastolo!

  • Mhà... Con tutte le informazioni che ormai si hanno dai media alle scuole ecc... mi sembra strano che al posto di dirlo alla madre "abusatrice" non si sia rivolta a qualcun altro.

  • beh...se è vero non hai fatto bene...ma benissimo!!! se falso spero tu faccia la stessa fine..!

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Hotel Rigopiano, i dispersi sono ancora più di 20: si scava senza sosta

  • Sport

    Coppa Italia 2016-2017: calendario, tabellone, orari e risultati della Tim Cup

  • Mondo

    La sigaretta elettronica gli esplode in bocca: su Facebook le foto dell'orrore

  • Rassegna

    Rigopiano, soccorritori in lacrime: "Non chiamateci eroi, è il nostro lavoro"

Torna su
Today è in caricamento