Non viene promosso perché uomo: funzionario risarcito con 300mila euro

Il caso arriva dall'Austria, dove Peter Franzmayr ha presentato un esposto per discriminazione di genere dopo aver perso la promozione all'interno del ministero dei Trasporti

 Peter Franzmayr

Discriminato perché uomo: per questo motivo un funzionario dell’amministrazione pubblica austriaca è stato risarcito con oltre 300mila euro (319.368 per la precisione), per essere stato ingiustamente 'sorpassato' da una collega.

Il protagonista della vicenda, Peter Franzmayr, ha presentato un esposto per discriminazione di genere dopo aver mancato la promozione interna presso il ministero dei Trasporti nel 2011, con il posto assegnato alla collega Ursula Zechner

La Corte amministrativa federale gli ha dato ragione, accertando che Zechner “ha potuto godere di un percorso privilegiato ben identificabile, trattata fin dall’inizio in modo più favorevole rispetto agli altri colleghi”. 

Franzmayr riceverà 319.368 euro di risarcimento pari al denaro che avrebbe guadagnato se avesse ottenuto il posto, più i danni, scrive il quotidiano austriaco Der Standard. L’allora ministra dei Trasporti, la socialdemocratica Doris Bures, ha difeso la procedura effettuata all’epoca come legalmente ineccepibile, giustificando la scelta come un modo per contrastare “la massiccia sotto-rappresentazione delle donne” all’interno del ministero.



Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • l'anzianità e la meritocrazia dovrebbero sempre venire prima di qualsiasi cosa, senza considerare il sesso o il colore della pelle....

    • ehhhh se se come no...

Più letti della settimana

  • Tv

    Isola dei Famosi 2018: puntate, notizie e tutto quello che c'è da sapere

  • Sport

    Giro d'Italia 2018, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Grande Fratello 2018

    Grande Fratello story, tutti i vincitori del reality show

  • Grande Fratello 2018

    "Tensioni con Barbara d'Urso", Ilary Blasi risponde in diretta

Torna su
Today è in caricamento