E' morta Oksana Makar, la ragazza ucraina stuprata e bruciata viva

La ragazza da giorni lottava tra la vita e la morte

E' morta questa mattina Oksana Makar, la ragazza ucraina diciottenne stuprata e poi data alle fiamme da un branco di tre giovani violentatori.

La notizia aveva fatto il giro del mondo negli ultimi giorni, e tutti si erano stretti in una preghiera comune perchè la ragazza potesse sopravvivere alle gravissime ustioni.

Oksana aveva ustioni sul 55% del corpo e le amputazioni di un braccio e di un piede non sono bastate a salvarla.

La 18enne sarebbe stata invitata da un conoscente in un appartamento, e lì violentata dal giovane e da due suoi amici. Poi, forse per evitare che parlasse, i tre avrebbero tentato di uccidere Oksana dandole fuoco.

La madre della vittima aveva deciso di diffondere un video nel quale la figlia raccontava in tutta la sua crudezza la violenza subita. Il video, anche molto criticato, aveva però indubbiamente contribuito a far crescere l'indignazione per l'agghiacciante fatto di cronaca.



Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (16)

  • Avatar anonimo di Nicola
    Nicola

    Per queste bestie non la pena di morte, ma i lavori forzati a vita!

  • Avatar anonimo di Tipi
    Tipi