Elezioni, Gentiloni a Repubblica: "Questo voto è una scelta di campo"

"Non vedo ritorni al duce", dice il premier, ma riconosce il rischio di derive populiste e sovranismi nazionali

“Ho l’impressione che in questa campagna elettorale siano stati allestiti due palcoscenici. Sul primo va in scena il festival delle promesse mirabolanti, delle proposte assurde e qualche rissa. Sul secondo – a dir la verità un po’ oscurato – si gioca una sfida che riguarda il nostro futuro. Uno scontro tra la possibilità di mantenere una ripresa economica accettabile, di avviare una seconda stagione delle riforme – e la minaccia di mandare a gambe all’aria tutti gli sforzi e sacrifici compiuti in questi anni”. A parlare così è il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, in un'intervista concessa al quotidiano La Repubblica nella quale inquadra le opzioni in campo alle prossime elezioni.

La posta in gioco non è solo economica, osserva l’intervistatore, il giornalista Claudio Tito: “E infatti non è così. Quello è il primo aspetto. Ma c’è il secondo, ancora più importante. Riguarda i nostri valori. Quelli del centrosinistra. I valori democratici, liberali, della società aperta, del welfare, del dialogo con popoli diversi. Dall’altra parte – e non è mai stato così chiaro nella storia del nostro paese – ci sono l’odio, i muri, l’antieuropeismo, il sovranismo, la chiusura al dialogo. E riaffiorano vecchi fantasmi del passato”. Il problema non è “la democrazia” tout court, precisa il premier, “direi la qualità della democrazia. In mezzo mondo si discute se la democrazia debba necessariamente coniugarsi con le società aperte. In Europa, in alcuni paesi dell’est non si rinnega il concetto di democrazia ma se ne mette in discussione il perimetro”.

Elezioni, la guida al voto del 4 marzo 2018 

Quanto al rischio di un riaffacciarsi del fascismo, “non vedo – dice – ritorni al Duce, né temo sparute minoranza di nostalgici. Vedo un’idea che mitizza la sovranità nazionale – perfino in Europa – in chiave di chiusura verso l’esterno. Dobbiamo essere consapevoli che è questa la posta in gioco”. Centrodestra e Movimento 5 stelle sono l’espressione del rischio populista e sovranista? “Sì, anche se – precisa Gentiloni – ciascuno a modo suo. E per questo non sono possibili voti a dispetto o in libera uscita. Questa è una scelta di campo. E solo il centrosinistra a guida Pd può essere la risposta a questa sfida. Solo le riforme possono attenuare il disagio sociale. Un disagio che non guarda a sinistra ma viene cavalcato dalla risposta sovranista. Questa è la sfida per i progressisti nel mondo”.

Elezioni 2018

Come si vota, i candidati, i sondaggi, i programmi

Elezioni politiche | Elezioni Lazio | Elezioni Lombardia

Tutti gli articoli dello speciale elezioni

Fonte: Repubblica →

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Gentiloni né la sinistra, né la destra ha dimostrato negli ultimi 30 anni compresi i DC di saper governare senza che ci siano state infiltrazioni mafiose a tutti i livelli, questa è stata fino ad oggi la rovina di questa nazione, auspico un cambiamento radicale con un delle sane istituzioni e una sana e spietata magistratura contro la criminalità organizzata.

  • Il vostro posto caro pidiota è 3 metri sotto terra!!!!Non hai vergogna???Tu e tutti gli abusivi come te che ci avete messo in questa situazione avete una sola cosa da fare in diretta tv: chiedere scusa alla nazione e suicidarvi!!!

  • Demente e deficiente. In un campo di @#?*%$ ci hai messo.

  • Il pericolo e' il populismo ahahah....il pericolo siete voi .....

  • La gogna per te servo.

  • Patibolo, altro che palcoscenico....!

Più letti della settimana

  • Attualità

    Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di giovedì 13 dicembre 2018

  • Attualità

    Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di lunedì 10 dicembre

  • Attualità

    Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di martedì 11 dicembre 2018

  • Politica

    Sondaggi, Salvini sorride "solo a metà": c'è un'inattesa brutta notizia per lui e per Di Maio

Torna su
Today è in caricamento