"Trenta al Viminale": l'ultimo sgarbo del M5s a Salvini

Ipotesi Elisabetta Trenta come sottosegretario del ministro dell'Interno Luciana Lamorgese: sarebbe per Salvini l'ultimo tassello di un mese "nero". Ma la partita è apertissima

Ansa (Archivio)

La partita dei sottosegretari è ancora apertissima. Nelle ultime ore circola la voce di un ultimo possibile sgarbo del Movimento 5 stelle nei confronti egli ex alleati della Lega. Al Viminale potrebbe arrivare anche Elisabetta Trenta. L'ex ministro della Difesa protagonista di vari scontri con Matteo Salvini è in corsa per diventare sottosegretario di Luciana Lamorgese. Al momento - sottolineano dall'agenzia Adnkronos - non c'è nessuna conferma ufficiale. "Sicuramente il ministro Trenta è una risorsa che non intendiamo perdere", si limita a dire un esponente 5 Stelle che segue da vicino il dossier alla stessa agenzia di stampa. Fonti grilline secondo il Giornale vorrebbero chiudere la questione entro questa mattina, ma è difficile che si arrivi alla quadra prima del consiglio dei ministri di giovedì.

Sottosegretari, ipotesi Trenta al ministero dell'Interno

Va sottolineato come non si tratti affatto di ruoli marginali. I sottosegretari sono figure del governo che servono a coadiuvare i ministri nelle loro attività esercitando i compiti che vengono loro delegati. Possono intervenire, recita la legge, "alle sedute delle Camere e delle Commissioni parlamentari, sostenere la discussione in conformità alle direttive del ministro e rispondere ad interrogazioni e interpellanze". Un arrivo di Trenta al Viminale sarebbe per Salvini l'ultimo tassello di un mese "nero": la strategia di rompere col M5s per tornare al voto si è dimostrata inefficace e al Ministero dell'Interno potrebbe entrare uno dei ministri con cui il Carroccio aveva più conti in sospeso.

Fonte: Il Giornale →

Potrebbe interessarti

Più letti della settimana

Torna su
Today è in caricamento