Funghi radioattivi, l'allarme: “Non mangiateli”

L'Asl ha allertato i sindaci dei comuni della provincia di Verbania per avvertire del pericolo

Esemplari di Xerocomus Badius, comunemente chiamato "castagnino"

L'Asl di Verbania lancia un appello ai cercatori di funghi: non mangiate due qualità raccolte in alcune zone dell'Ossola. Il motivo? Dalle analisi risulta che le qualità funginee in questione raccolte nelle zone di Crodo e Trasquera presentano concentrazioni sopra la norma di sostanze radioattive. 

Quali funghi non mangiare?

Come riporta NovaraToday, nello specifico si tratta di due qualità, il Rozites Caperata, che è commestibile ma non è molto utilizzato, e lo Xerocomus Badius, comunemente chiamato "castagnino" o "castagnìt", presente di frequente sulle nostre tavole. Questi due tipi di funghi che crescono sulle nostre montagne assorbono maggiormente rispetto ad altri le radiazioni ambientali: dalle analisi dell'Asl è stata infatti rilevata una concentrazione Cesio 137 più alta del normale,

Quali sono i pericoli?

Visto che i funghi non sono un elemento primario della dieta umana il pericolo per la salute è relativamente molto basso. Il Cesio 137, pur essendo una sostanza radioattiva pericolosa per la salute, è stato rilevato in concentrazioni basse in questi funghi: sarebbe dannosa solo se assunta in grandi quantità e di frequente. Per quanto riguarda le altre specie, dai porcini ai chiodini, il rischio è assolutamente nullo e possono essere mangiati senza problemi.

Quali sono le cause?

Dalle analisi svolte nella zona di Crodo e Trasquera, dove crescevano i funghi "radioattivi", è risultato che le concentrazioni di Cesio 137 erano maggiori della norma e che i funghi sono gli organismi che più ne hanno assorbito. Sembrerebbe che il motivo della presenza di questa sostanza radioattiva sia da far risalire ancora al disastro di Chernobyl: le radiazioni, portate dal vento, potrebbero aver contaminato l'ambiente. É importante però specificare che in queste zone non esistono rischi per la salute umana: l'importante è cercare di evitare di mangiare i castagnìt raccolti da queste parti. 

Fonte: NovaraToday →

Potrebbe interessarti

  • Tonno, come riconoscere quello di qualità (e quanto mangiarne)

  • Formiche, i metodi naturali per allontanarle da casa

  • Sos pancia gonfia: le cause e i rimedi naturali più efficaci per combatterla

  • I rimedi naturali per allontanare api, vespe e calabroni senza danneggiare l’ambiente

Più letti della settimana

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di sabato 15 giugno 2019

  • Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dal 17 al 23 giugno 2019

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di giovedì 13 giugno 2019

  • Bollo auto, con la pace fiscale c’è il condono (e vale per 10 anni)

Torna su
Today è in caricamento