homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companies

Giorgio, sveglio dopo 5 anni di coma: "Ora lottiamo contro l'Asl"

Giorgio Grena era in stato vegetativo dal 2010, poi il risveglio. Ora la mamma è stremata dai controlli dell'Asl e lancia un appello su BergamoNews: "Mi arrivano visite a raffica"

"Basta mandarmi controlli, i contributi che mi date sono solamente una goccia per seguire mio figlio. Spendete meglio le vostre risorse". Rosa Vigani è la mamma di Giorgio Grena, un ragazzo di Bergamo che si è risvegliato dopo cinque anni di coma provocato da un incidente stradale.

La donna è stremata dai funzionari dell'Azienda sanitaria locale che le continuano a chiedere riscontri dei problemi di salute del figlio, e per questo si è rivolta a BergamoNews.it per il suo appello, registrato in un video: "Aiutatemi, non ne posso più".

L'Asl, che le versa alcuni contributi per coprire parte delle spese mediche, continua a mandarle controlli a casa per verificare la situazione del figlio. Preoccupata soprattutto per le famiglie che sono nella sua situazione e devono subire questi tipi di controlli, la mamma ha lanciato un appello affinché la Asl competente diradi le proprie visite di ispezione e faccia vivere un anno più sereno a chi deve quotidianamente affrontare tali disgrazie.
 



Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Cara rosa, sono in perfetto accordo con Francesco. Li accolga sempre con un caffè o qualsiasi altra cosa gradiscano, li inviti a far compagnia a suo figlio che finalmente è uscito dal coma. Li inviti a restare perchè gli ispettori devono ispezionare... Non se la prenda, la prego, li usi a suo vantaggio. Un abbraccio grande...

  • Gentile signora, Kafka non è diventato famoso per nulla. Certamente le visite non sono decise dagli ispettori. Ma lei li lasci cucinare nel loro stesso brodo. Sia gentile e paziente, offra loro il caffè quando vengono. Li faccia sentire piccoli, più di quanto non sanno già di essere. In ogni caso, si rivalga col piacere di avere suo figlio fuori dal come.

Più letti della settimana

  • Media

    "Bruno dei Fichi d'India non ci ha lasciato, lui non molla mai"

  • Rassegna

    Zecche, è allarme: sette persone in ospedale per l'encefalite

  • Vip

    Matrimonio Satta-Boateng, incidente stradale dopo le nozze

  • Citta

    Paolo Fusco travolto da un'auto: il bomber è gravissimo

Torna su
Today è in caricamento