L'ex attaccante turco Hakan Sukur ora fa l'autista di Uber: "Erdogan mi ha tolto tutto"

Hakan Sukur è stato accusato di aver partecipato al colpo di Stato nel 2016 contro Erdogan. Oggi vive a Washington con la famiglia. "Non mi è rimasto niente", dice

L'ex calciatore turco Hakan Sukur (foto EPA/TOLGA BOZOGLU)

L'ex attaccante turco Hakan Sukur oggi lavora come autista Uber per le strade di Washington e vende libri. A raccontare questa svolta nella sua vita dopo i successi nel mondo del calcio tra Turchia e Italia, è lo stesso Hakan Sukur al quotidiano Welt am Sonntag.

"Non mi è rimasto niente. Si è preso tutto ciò che era mio. Guadagno guidando per Uber e vendendo libri", svela Sukur, che accusa il presidente turco Erdogan. I problemi del 48enne turco sono iniziati infatti quando è stato accusato di aver partecipato al colpo di stato del 2016 contro Erdogan. "Quale sarebbe stato il mio ruolo? Fino a oggi nessuno è stato in grado di spiegarlo - spiega Sukur - Ho fatto solo cose legali nel mio Paese".

"Possono indicare quale crimine avrei commesso? No, sanno solo dire traditore e terrorista. Sono un nemico del governo, non dello Stato o della nazione turca. Adoro la mia bandiera e il nostro Paese"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Hanno lanciato pietre nella boutique di mia moglie, i miei figli sono stati molestati per strada, ho ricevuto minacce dopo ogni mia dichiarazione. Quando me ne sono andato hanno rinchiuso mio padre e tutto ciò che avevo è stato confiscato. È stato un momento molto difficile per la mia famiglia. Chiunque aveva a che fare con me aveva difficoltà finanziarie", conclude l'ex attaccante turco, che in Italia ha vestito le maglie di Torino, Inter e Parma ed è detentore del record del gol più veloce ai Mondiali: segnò dopo appena 10 secondi e 8 centesimi nella finale per il terzo posto tra Turchia e Corea del Sud nel 2002.

Fonte: Welt am Sonntag →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento