Condivide questa foto su WhatsApp e viene arrestato: così la polizia è risalita a lui

Grazie a una nuova tecnica, la polizia è riuscita a risalire all'identità di uno spacciatore partendo da una foto in cui si vedeva solo un dettaglio parziale della mano

E' bastata la fotografia di una mano e con una nuova tecnica di analisi i tecnici della polizia inglese sono riusciti a sgominare una banda di spacciatori. Come racconta la Bbc, i tecnici hanno analizzato le impronte a partire da una scansione digitale di una foto condivisa su WhatsApp da uno degli spacciatori coinvolti. 

Nella foto si vedeva la mano di un uomo mostrare alcune pasticche di ecstasy. Da quell'immagine è stato possibile risalire alle impronte digitali e poi all'identità dello spacciatore. Si tratta del primo caso di utilizzo di questa tecnica nel Regno Unito, che apre ora nuovi scenari potenzialmente rivoluzionari. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questi sono i progressi del mondo digitale: forniscono molte domande a cui dobbiamo dare risposte. Fare un uso maggiore dei messaggi sui social media è solo una delle aree in via di sviluppo. Vogliamo arrivare al punto che se c'è un furto alle 20:30, possiamo analizzare le prove e alle 20:45 farci trovare fuori dal portone di casa del ladro e arrestarlo mentre torna con il malloppo. E' il futuro. Non siamo ancora arrivati a questo punto, ma potrebbe migliorare significativamente la capacità degli agenti locali di arrestare le persone molto velocemente", ha spiegato Dave Thomas, ufficiale della sezione della polizia scientifica del Galles meridionale. 

Fonte: Bbc →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento