Imu alla Chiesa, l'annuncio è caduto nel vuoto

Durante la visita di Papa Francesco in Campidoglio il tema non è stato affrontato

Foto Ansa

"Tasse e tributi mai incassati. Più contributi a pioggia alle parrocchie, patrocinii, elargizioni, sconti, regali: la Vaticano spa costa al Campidoglio più di 400 milioni l’anno, 300 euro a famiglia. Su 12mila unità immobiliari, pari a un imponibile di oltre 6 miliardi, l’evasione vaticana di Imu e Tari è sistematica. Accertati, tra 2012 e 2014, almeno 40 milioni di tributi evasi".

Così scriveva nel 2016 Daniele Frongia, braccio destro di Virginia Raggi e assessore allo sport, nel suo libro "E io pago". Secondo lo stesso Frongia, l’amministrazione avrebbe potuto recuperare ben 200 milioni di euro all’anno chiedendo alla Chiesa di fare la sua parte. Peccato che finora la promessa del M5s sia rimasta lettera morta.

Come racconta Ylenia Sina su RomaToday, la visita effettuata da Papa Francesco martedì scorso in Campidoglio ha evidenziato il vuoto. Quel giorno, il dossier aperto all’inizio del 2017 con la Santa Sede non è stato nemmeno accennato.  

E dire che all’inizio del 2017 l’amministrazione capitolina aveva aperto un’interlocuzione con l’allora segretario di stato della Santa Sede, proprio per vagliare la possibilità di iniziare a riscuotere l’Imu sugli immobili commerciale. Il tema però sembra scomparso dai radar della giunta Raggi. 

Imu, gli enti che operano a scopo sociale hanno diritto all'esenzione

Va sottolineato che gli immobili utilizzati da enti che operano a scopo sociale, religioso o educativo sono esenti dal pagamento dell’Imu. Il punto è dispinguere queste realtà da quelle che, nei fatti, operano come imprese a scopo di lucro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il report dei radicali

Secondo una stima fatta dai Radicali nel 2016, la metà dei 279 alberghi gestiti da enti ecclesiastici non paga l’Imu in modo regolare. Di queste, 93 non l’hanno invece mai pagata. Problemi anche sul fronte della Tasi, con un terzo delle strutture, circa 80, non ha mai versato la tassa per i servizi. Il totale evaso, stando alla denuncia dei Radicali, supera i 20 milioni di euro

Fonte: RomaToday →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento