In Russia c'è stato un incidente nucleare che Mosca ha tenuto segreto

Dopo l'esplosione avvenuta giovedì scorso si era registrato un picco di radioattività nell'area. Nella nota ufficiale Rosatom spiega come sia stato testato un missile "con fonti di energia isotopica"

I cinque scienziati che sono morti in un'esplosione su una piattaforma di ricerca a Nyonoksa nella regione di Arkhangelsk, stavano lavorando a un minireattore nucleare per il colosso russo Rosatom. La rivelazione arriva dopo giorni di notizie uscite dal contagocce. Evidente il tentativo di Mosca di minimizzare l'accaduto.

Dopo l'esplosione avvenuta giovedì scorso si era registrato un picco di radioattività nell'area. Oggi Vyacheslav Soloviev dell'Istituto panrusso di Fisica sperimentale ha pubblicato le informazioni ufficiali su un sito locale.

I ricercatori "stavano conducendo ricerche e una delle direzioni in cui lavoravano era la creazione di piccole fonti di energia con utilizzo di materiali radioattivi". Secondo Soloviev da anni "in Russia e non solo si lavora a minireattori nucleari della potenza di alcuni kilowatt".

Nella nota ufficiale Rosatom spiega come sia stato testato un missile "con fonti di energia isotopica".

Il bilancio ufficiale parla di 7 morti. Altri tre scienziati sono in una situazione medica di media gravità e non più in pericolo di vita. Le immagini pubblicate sui social mostrano diverse ambulanze raggiungere gli ospedali locali tra misure di sicurezza altissime. 

Fonte: New York Times →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento