Gli otto italiani che ricordano tutto (anche cosa hanno mangiato dieci anni fa)

Riuscireste a ricordare i dettagli di una giornata normale molto lontana nel tempo? Voi probabilmente no, ma c'è chi ne è capace: si tratta dei soggetti dotati di ipermemoria autobiografica, ora al centro per la prima volta di uno studio italiano

Foto d'archivio

Riuscireste a ricordare cosa avete mangiato quel lontano venerdì di dieci anni fa? O cosa avete indossato? Se siete rimasti a casa o usciti con gli amici? La maggior parte di voi risponderebbe (ovviamente) di no. Ma non tutti. C'è infatti un numero molto esiguo di persone che riesce a ricordare con incredibile accuratezza giornate apparentemente normali.

Sono i soggetti dotati di ipermemoria autobiografica ora al centro, per la prima volta al mondo, di uno studio di risonanza magnetica funzionale (fMRI) per comprendere i meccanismi neurobiologici alla base di tale straordinaria capacità di memoria.

Lo studio dei ricercatori italiani

Lo studio, condotto sperimentalmente tutto in Italia presso la Fondazione Santa Lucia IRCCS di Roma, coordinato da Valerio Santangelo, Simone Macrì e Patrizia Campolongo e pubblicato sull’autorevole rivista Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America, PNAS, ha coinvolto numerosi centri di ricerca tra cui l’Istituto Superiore di Sanità, l’Università di Perugia, l’Università della California – Irvine e Sapienza Università di Roma.

Esiti sorprendenti: cosa ricordano i soggetti dotato di iper memoria

"Abbiamo monitorato otto persone con ipermemoria, individuate dal gruppo di ricerca nella popolazione italiana a partire dal 2015, e 21 soggetti di controllo con memoria normo-tipica – afferma il primo autore dello studio Valerio Santangelo, dell’ateneo di Perugia e della Fondazione Santa Lucia IRCCS – la cosa straordinaria è che, oltre a ricordare il giorno della settimana di una data lontana nel tempo (per es. ricordano che il 3 agosto del 2011 era un mercoledì!), sono anche in grado di dire come erano vestiti in quella giornata, che cosa hanno mangiato, quale film hanno visto, etc. Ancora più sorprendente è la completa assenza di esitazione o di sforzi consapevoli quando tali soggetti devono richiamare alla memoria eventi che hanno vissuto anche decine di anni prima".

Come è stato condotto lo studio

Durante la scansione fMRI, ai soggetti è stato chiesto di rievocare esperienze autobiografiche relativamente recenti (ad es., "L’ultima volta che hai preso un treno") o remote (ad es., "La prima volta che hai baciato qualcuno"). Nell’arco di 30 secondi, i soggetti dovevano premere un pulsante per indicare che avevano rintracciato quello specifico ricordo in memoria (fase di "accesso" al ricordo) e poi continuare a rivivere il ricordo quanto più possibile nel dettaglio (fase di "elaborazione" del ricordo). Questi risultati permettono di aprire nuove frontiere di ricerca sulla memoria, tradizionalmente studiata in termini di ipo-funzionamento in condizioni patologiche.

"Comprendere i sistemi neurobiologici alla base dell’iper-funzionamento di memoria – conclude Simone Macrì, dell’ISS – fornisce di fatto importanti indicazioni su come intervenire (in termini di stimolazione cerebrale) per ripristinare un funzionamento adeguato dei sistemi di memoria in condizioni patologiche".

Fonte: Askanews →
Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Più letti della settimana

  • Grande Fratello 2018

    Grande Fratello Vip 2018: cast, concorrenti e tutte le anticipazioni

  • Economia

    Pensioni, tra illusioni e realtà si va verso quota 100 "depotenziata": che cosa significa

  • Attualità

    Lunedì occhio al bonifico, 45 italiani diventeranno milionari

  • Tv

    Il dramma di Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Torna su
Today è in caricamento