"Signora abortisca, il feto ha gravi danni cerebrali". Lei rifiuta e la bimba nasce sana

Liane Stooke, 38 anni, deve dire grazie al suo istinto. La donna, scrive il Daily Mail, stava per abortire durante la gravidanza della sua ultima bambina. I medici le avevano appena dato una notizia molto triste: la piccola che portava in grembo avrebbe avuto gravi problemi neurologici

E' una storia che ha dell'incredibile. Liane Stooke, 38 anni, deve dire grazie al suo istinto. La donna, scrive il Daily Mail, stava per abortire durante la gravidanza della sua ultima bambina. I medici le avevano appena dato una notizia molto triste: la piccola che portava in grembo avrebbe avuto gravi problemi neurologici. I dottori avevano avvertito i genitori dicendo che la Miley, questo il nome deciso dai genitori, avrebbe avuto gravi problemi a camminare e a parlare e che la soluzione poteva essere nell'interruzione di gravidanza

A Liane e al marito non è mancato il coraggio. Avevano già due figli e hanno deciso di portare avanti la gravidanza, consapevoli che comunque la piccola non sarebbe vissuta a lungo. La malattia da cui sarebbe dovuta essere affetta era la Holoprosencephaly, una patologia che non consente al cervello di sviluppare entrambe gli emisferi.

Poi la lieta sorpresa. La donna mise al mondo Miley con parto cesareo ad ottobre 2011; era convinta di dover sostenere una neonata con tanti problemi dovuti alla patologia. Niente di tutto ciò, la bambina stava bene e ancora oggi è sana. Hanno chiesto spiegazioni all'ospedale, la diagnosi era completamente sbagliata. "Analizzare lo sviluppo cerebrale di un feto è molto complesso, possono esserci degli errori in alcuni rari casi", si giustificano i medici.

I genitori si godono la piccola Miley, che cresce sana: "E' splendida", dicono col sorriso sulle labbra.



Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • per l'ecologia si dice che debba valere il principio della precauzione (anche se non è ben chiaro l'effetto di una sostanza meglio non rischiare e mettere limiti super bassissimi o vietarla del tutto). Quando si tratta di gravidanza si parla con nonchalance (spero di aver scritto bene) di aborto terapeutico, stress per la donna ecc. tutte cose che hanno fondamento ma che si scordano che "forse" quello là dentro è un piccolissimo essere umano e quindi bisogna si aiutare la donna in tutti i modi possibili e immaginabili ma per precauzione pure quel "probabile" piccolo uomo sennò.. l'eugenetica è dietro l'angolo (sei "difettoso"? fuori dalle balle avanti il prossimo) solo che poi l'asticella si sposta sempre un pò più in avanti di come si voleva all'inizio. Un esempio su un argomento che non c'entra niente: eutanasia. In Olanda e Belgio fu introdotta negli anni scorsi (paesi avanzati eh?!) per la dignità e l'autodeterminazione del paziente. Dopo vari anni si viene a sapere che viene praticata in modo più "liberal" sotto la spinta di medici che decidono loro per il paziente o di parenti "inpazienti" (in certi ospedali mettono un cartello: qui non si pratica l'eutanasia da quando hanno notato che parecchi vecchietti vanno a farsi curare, chissà perche', in Germania). Ora in Belgio una commissione parlamentare a maggioranza socialista/liberale approva che si voti in parlamento sull'eutanasia per i pazienti con eta' INFERIORE AI 12 anni. Mi pare che si sta superando il tanto esacrato Hitler

  • per l'ecologia si dice che debba valere il principio della precauzione (anche se non è ben chiaro l'effetto di una sostanza meglio non rischiare e mettere limiti super bassissimi o vietarla del tutto). Quando si tratta di gravidanza si parla con nonchalance (spero di aver scritto bene) di aborto terapeutico, stress per la donna ecc. tutte cose che hanno fondamento ma che si scordano che "forse" quello là dentro è un piccolissimo essere umano e quindi bisogna si aiutare la donna in tutti i modi possibili e immaginabili ma per precauzione pure quel "probabile" piccolo uomo sennò.. l'eugenetica è dietro l'angolo (sei "difettoso"? fuori dalle balle avanti il prossimo) solo che poi l'asticella si sposta sempre un pò più in avanti di come si voleva all'inizio. Un esempio su un argomento che non c'entra niente: eutanasia. In Olanda e Belgio fu introdotta negli anni scorsi (paesi avanzati eh?!) per la dignità e l'autodeterminazione del paziente. Dopo vari anni si viene a sapere che viene praticata in modo più "liberal" sotto la spinta di medici che decidono loro per il paziente o di parenti "inpazienti" (in certi ospedali mettono un cartello: qui non si pratica l'eutanasia da quando hanno notato che parecchi vecchietti vanno a farsi curare, chissà perche', in Germania). Ora in Belgio una commissione parlamentare a maggioranza socialista/liberale approva che si voti in parlamento sull'eutanasia per i pazienti con eta' INFERIORE AI 12 anni. Mi pare che si sta superando il tanto esacrato Hitler

  • Avatar anonimo di ari anna
    ari anna

    semplicemente medici incompetenti. Auguri ai genitori )

  • Avatar anonimo di ari anna
    ari anna

    semplicemente medici incompetenti. Auguri ai genitori :)

  • Avatar anonimo di gl
    gl

    Credo che quando si tratta della vita umana non ci debba essere nessun margine di errore !

Più letti della settimana

  • Sport

    Giro d'Italia 2017, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Media

    Amici 2017, il serale: squadre, coach, giudici, ospiti e tutto quello che c'è da sapere

  • Cronaca

    Il dramma di Nicky Hayden: spunta un video con la dinamica dell'incidente

  • Cronaca

    A Napoli per donare il midollo alla figlia, mamma muore in ospedale

Torna su
Today è in caricamento