"Signora abortisca, il feto ha gravi danni cerebrali". Lei rifiuta e la bimba nasce sana

Liane Stooke, 38 anni, deve dire grazie al suo istinto. La donna, scrive il Daily Mail, stava per abortire durante la gravidanza della sua ultima bambina. I medici le avevano appena dato una notizia molto triste: la piccola che portava in grembo avrebbe avuto gravi problemi neurologici

E' una storia che ha dell'incredibile. Liane Stooke, 38 anni, deve dire grazie al suo istinto. La donna, scrive il Daily Mail, stava per abortire durante la gravidanza della sua ultima bambina. I medici le avevano appena dato una notizia molto triste: la piccola che portava in grembo avrebbe avuto gravi problemi neurologici. I dottori avevano avvertito i genitori dicendo che la Miley, questo il nome deciso dai genitori, avrebbe avuto gravi problemi a camminare e a parlare e che la soluzione poteva essere nell'interruzione di gravidanza

A Liane e al marito non è mancato il coraggio. Avevano già due figli e hanno deciso di portare avanti la gravidanza, consapevoli che comunque la piccola non sarebbe vissuta a lungo. La malattia da cui sarebbe dovuta essere affetta era la Holoprosencephaly, una patologia che non consente al cervello di sviluppare entrambe gli emisferi.

Poi la lieta sorpresa. La donna mise al mondo Miley con parto cesareo ad ottobre 2011; era convinta di dover sostenere una neonata con tanti problemi dovuti alla patologia. Niente di tutto ciò, la bambina stava bene e ancora oggi è sana. Hanno chiesto spiegazioni all'ospedale, la diagnosi era completamente sbagliata. "Analizzare lo sviluppo cerebrale di un feto è molto complesso, possono esserci degli errori in alcuni rari casi", si giustificano i medici.

I genitori si godono la piccola Miley, che cresce sana: "E' splendida", dicono col sorriso sulle labbra.



Potrebbe interessarti