Mauro Romano, bimbo scomparso a Lecce: un mistero lungo 40 anni

Un bambino di appena sei anni, svanito nel nulla il 21 giugno del 1977. Una storia complessa e intrisa di silenzi e omertà

Mauro Romano (Foto LeccePrima)

LECCE – Ci sono storie che a distanza di quarant’anni continuano a essere avvolte da un alone di mistero e tragicità, capaci di cambiare la storia di una famiglia e di un’intera comunità. Storie destinate a rimanere, forse per sempre, irrisolte. Storie avvolte da una fitta nebbia di omertà e silenzi, che nemmeno gli inquirenti, in lunghi anni d’indagini e riscontri, di ricerche e investigazioni, sono riusciti a diradare.

Come quella di Mauro Romano, il bambino di sei anni svanito nel nulla a Racale la sera del 21 giugno 1977, una ferita profonda che nemmeno il tempo è riuscito a rimarginare. Un “cold case”, una di quelle vicende destinate a essere sepolte tra i casi insoluti, nei faldoni di un archivio e depositata negli annali della cronaca nera come un giallo in attesa di un raggio di luce. Dopo 39 anni trascorsi tra indagini, false rivelazioni e piste che non hanno portato a nulla, la scomparsa di Mauro resta ancora un mistero. Un mistero creato da chi ha visto e ha preferito non raccontare, nascondendosi dietro la comoda e rassicurante protezione della dottrina religiosa. “Gli investigatori – ha scritto nel 2012 il gip Annalisa De Benedictis nell’ordinanza di archiviazione del procedimento – hanno verificato un generale clima di latente omertà nell’ambito della comunità religiosa di cui denuncianti e denunciato facevano parte. Tale aspetto ha avuto un ruolo non trascurabile nella risoluzione della vicenda”.

Per la seconda volta, infatti, l'ex sostituto procuratore della Repubblica di Lecce (oggi procuratore della Repubblica di Crotone), Giuseppe Capoccia, aveva chiesto l’archiviazione del procedimento. Una richiesta di archiviazione accolta dal gip, nonostante l’opposizione del legale della famiglia dello scomparso, l’avvocato Ezio Garzya, che aveva chiesto che fossero eseguiti nuovi accertamenti. Era stata la denuncia presentata dai genitori di Mauro, i coniugi Natale Romano e Bianca Colaianni, a portare alla riapertura delle indagini nel maggio del 2010. Una denuncia basata sul racconto, avvenuto nel 1998, di un amico dei genitori di Mauro, morto poi in un incidente stradale circa dieci anni fa. “Non sporgemmo denuncia – scrissero i coniugi Romano – perché la nostra religione non lo permetteva e non lo permette. La nostra religione, infatti, non consente a un fratello di portare in giudizio un altro fratello della stessa religione”. Quel vincolo però era finalmente caduto: quell’uomo non faceva più parte della congregazione.

L’uomo, testimone di Geova come i coniugi Romano, riferì che a rapire il bambino era stato una persona vicina ai genitori, che all’epoca della scomparsa di Mauro frequentava la loro casa assiduamente. Il motivo del rapimento era da ricercarsi nel denaro promessogli da qualcuno in cambio del bambino. La denuncia aveva portato all’iscrizione sul registro degli indagati di un 71enne, il barbiere amico della famiglia Romano.

A luglio 2010 la Procura aveva chiesto l’archiviazione del procedimento, ma il gip aveva rigettato l’istanza disponendo un supplemento d'indagini. Per uno strano caso del destino, come in un romanzo giallo, la tragica storia di Mauro Romano si è intrecciata a quella di Vito Paolo Troisi, boss della Sacra Corona Unita, 41enne, in carcere dal 1997 e condannato all’ergastolo per l’omicidio di Luciano Stefanelli. In quell’afosa giornata d’estate Mauro, poco prima di sparire, aveva giocato con degli amici nei pressi di un deposito di rifiuti e tra quegli amici c’era proprio Troisi, che aveva dichiarato di conoscere Mauro ma di non ricordare nulla di quel pomeriggio.

Continua a leggere su LeccePrima

Fonte: LeccePrima →

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Più letti della settimana

  • Isola dei Famosi 2019

    Isola dei Famosi 2019: cast, concorrenti, puntate e tutte le anticipazioni

  • Amici

    Il duro messaggio di Alessandro Casillo: "Cara Maria, ecco perché ho lasciato Amici"

  • Rassegna

    Bus di studenti incendiato, il ragazzino eroe: "Così mi sono liberato e ho chiamato i soccorsi"

  • Love & corn

    Carlo Conti confessa: "Ho ripreso al volo mia moglie Francesca"

Torna su
Today è in caricamento