Per anni chiede l'elemosina davanti alla pasticceria, alla fine il titolare lo assume

La storia di Mousse Ndoye, 29enne del Senegal, raccontata da Il Tirreno

foto Facebook

Per due anni è stato tutti i giorni fuori da una pasticceria di Firenze, chiedendo l'elemosina ai clienti che entravano e uscivano e vendendo calzini e accendini. La sua gentilezza e la sua disponibilità lo avevano ben presto fatto apprezzare sia dai clienti sia dagli stessi gestori della pasticceria e così, appena è stato possibile, gli è stato proposto un lavoro con un regolare contratto. 

Sventò una rapina, rifugiato-eroe assunto dalla direttrice del supermercato 

E' la storia di Moussa Ndoye, richiedente asilo di senegalese di 29 anni soprannominato Noè, e della Bottega di Pasticceria gestita dallo chef Simone Bartolini, che al Tirreno spiega: "Non volevamo assolutamente tutta questa risonanza mediatica, e non credo di aver fatto niente di eccezionale, anzi. Moussa è un ragazzo che si è fatto apprezzare facendo tanti sacrifici. Non è pietà, per me è stata un’assunzione come tutte le altre".

"Non ci volevo credere - ha raccontato - E' stata una bellisima emozione e ho ringraziato Simone, il mio datore di lavoro". 

Fonte: Il Tirreno →

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Queste sono le cose che vogliamo sentire.... ma purtroppo non è sempre così

  • Bravo

Più letti della settimana

  • Attualità

    Va al tabacchi e gioca 2 euro: vincita "assurda" per il fortunato (ignoto)

  • Attualità

    Estrazioni di oggi di Lotto e SuperEnalotto: ecco i numeri vincenti

  • Donna

    Ilary Blasi, shopping con la piccola Isabel senza trucco (né parrucca)

  • Economia

    Pensioni, in arrivo un milione di buste arancioni: ecco cosa sono

Torna su
Today è in caricamento