"Battute razziste", cliente cacciato da un b&b a Palermo

Un settantenne milanese è stato messo alla porta dal gestore di una struttura turistica ubicata nel centro storico di Palermo: "Ho sopportato qualche minuto, poi ho deciso di intervenire"

Battute sui siciliani, sul caldo africano e le allusioni “pesanti" a una delle cameriere, una ragazza di 23 anni nata in Italia da famiglia Ghanese. La titolare del bed&breakfast non ci ha pensato due volte e ha messo alla porta un settantenne milanese che aveva deciso di alloggiare nella struttura nel centro storico di Palermo.

Un caso che arriva a pochi giorni da quello accaduto in provincia di Milano, dove ad una ragazza è stata negata una casa in affitto perché foggiana.

Il milanese razzista a Palermo

“Ho sopportato qualche minuto, poi ho deciso di intervenire: è venuto a casa mia a mancare di rispetto alla mia terra e ai suoi abitanti, tutti, a prescindere dal colore della pelle. Stava oltretutto mancando di rispetto a una ragazza d’oro, che mi tengo stretta”, racconta a Palermo Today la titolare del b&b "La terrazza sul centro".

"Caro ospite ignorante – si legge sulla pagina Facebook del b&b - per noi nascere a Palermo è sufficiente per essere italiani e se per te i siciliani non lo sono, stattene serenamente a casa tua. Se pensi che il ‘vero italiano’ sia un essere superiore, noi tutti siamo più italiani di te! Felice di averti, con il sorriso, sbattuto la porta in faccia perché qui è casa mia e non diamo il benvenuto a chi non lo merita. W il mondo a colori”.

Fonte: PalermoToday →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento