Sei vigili per fermare un giovane, in tre finiscono all'ospedale: c'è il video

Succede a Milano, davanti a numerosi testimoni, nei pressi del mercatino di piazzale Cuoco, in via Tertulliano in zona Calvairate. Il giovane verrà poi fermato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali aggravate

Foto: MilanoToday

Sei agenti della polizia locale per fermare un giovane, che fa resistenza. Succede a Milano, davanti a numerosi testimoni, nei pressi del mercatino di piazzale Cuoco, in via Tertulliano in zona Calvairate. Il giovane verrà poi fermato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali aggravate. Dopo l'arresto, giudizio per direttissima. Tre agenti della polizia locale sono finiti in ospedale per le lesioni subite: uno di loro ha riportato una prognosi 20 giorni per un problema alle vertebre del collo.

Secondo la ricostruzione di MilanoToday, l'intervento della municipale è avvenuto dopo un diverbio tra l'arrestato, un giovane del Mali, e una donna che poco prima aveva avuto un incidente con il ragazzo: che a quanto pare con la sua bici l'aveva urtata.

Milano, piazzale Cuoco: sei vigili per arrestare un giovane

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

I fatti: quando vede le divise, il giovane si sarebbe rifiutato di mostrare i propri documenti e avrebbe aggredito gli agenti. Che a quel punto cercano di bloccarlo non senza difficoltà. Ai primi agenti se ne aggiungono velocemente altri: in tutto arrivano cinque uomini e una donna. Insieme alla fine riescono ad accerchiare l'uomo, che avrebbe anche morso gli agenti, e a immobilizzarlo.

Alcuni passanti non gradiscono 'i modi'. "Complimenti: in sei sono", urla una delle persone col telefono in mano. Alle sue parole arriva secca la risposta di uno degli agenti. "Riprenda tutto. Ha ripreso quando ha buttato la signora sotto. È tutto merito vostro. Voi che venite a comprare qui". Accuse alle quali lo stesso autore del video replica spiegando che sono anche bancarelle con regolare licenza.

Al primo agente poi se ne aggiunge un altro che dice a chi riprende che non può farlo: "Non può riprendere col telefono. Vada". Il cittadino però non demorde: "E se fossi un reporter? Quello che sto vedendo non mi piace. Ci sono modi e modi. Erano in sei contro uno".

Fonte: MilanoToday →

Potrebbe interessarti

Più letti della settimana

Torna su
Today è in caricamento