Violenze e minacce davanti alla figlia, l'appello: "Va protetta prima che diventi femminicidio"

Vittima una giovane madre, come racconta Mauro Cifelli su RomaToday. La richiesta di aiuto all'Associazione Il Coraggio e la difesa dell'avvocato Luciano Randazzo

RomaToday ha raccolto la denuncia di un "preludio a un possibile femminicidio", con una giovane madre minacciata di morte dall'ex compagno, come racconta l'avvocato Luciano Randazzo, legale della donna, che si è rivolta all'Associazione Il Coraggio, una no profit contro ogni violenza e sopruso, in particolare in difesa di donne e bambini.

La struttura ha a sua volta contattato il legale romano, che ha poi raccontato a Mauro Cifelli di RomaToday l'ultimo caso che sta seguendo, "al fine di risvegliare l'opinione pubblica e gli organi competenti in materia. Il nostro obiettivo è denunciare quello che, se non si ferma per tempo, potrebbe diventare l'ennesimo femminicidio che leggeremo sui giornali". 


Il caso in questione si è registrato in questo mese di marzo e riguarda una giovane madre residente nell'area di Roma sud. In fase di separazione dal padre di sua figlia, i due vivono da qualche tempo in due diverse abitazioni, entrambi con i propri genitori. Lui però non ci sta, non vuole rinunciare a vivere con lei ed a vedere sua figlia. Per questo comincia ad andare sotto casa della giovane, non rispetta l'accordo di un periodo di pausa concordato con l'ex fidanzata, e si presenta da lei in piena notte. "L'ha minacciata di morte davanti la figlia", racconta l'avvocato Randazzo, ma invece di essere arrestato "è stato allontanato dalle forze dell'ordine intervenute su chiamata della madre della mia assistita". 

L'uomo è però tornato alla carica, minacciando ancora l'ex, finché le forze dell'ordine non lo hanno allontanato di nuovo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ma sino a quando? - si domanda il legale che collabora gratuitamente al caso della ragazza per conto dell'Associazione Il Coraggio -. Vogliamo un'altra volta risentire ai tg la famosa frase: 'non era la prima volta che la minacciava' prima di prevenire quello che si potrebbe tramutare nuovamente in un femminicidio?". 

Fonte: RomaToday →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento