Coronavirus, morto il giovane medico che aveva rinviato le nozze per curare i malati

Le autorità sanitarie cinesi hanno confermato la morte di Peng Yinhua, 29 anni, medico di un ospedale di Wuhan contagiato sul lavoro. I media cinesi ricordano come a gennaio avesse deciso di rinviare le nozze, previste per il primo febbraio, per non lasciare soli i colleghi

Un ospedale di Wuhan in questi giorni di lotta al coronavirus ANSA/EPA

Aveva solo 29 anni, è morto dopo aver combattutto contro il coronavirus: ha fatto il suo lavoro, fino a quando gli è stato possibile e con grande coraggio. Le autorità sanitarie cinesi hanno confermato la morte di Peng Yinhua, medico di un ospedale di Wuhan contagiato sul lavoro. I media cinesi ricordano come a gennaio avesse deciso di rinviare le nozze, previste per il primo febbraio, per non lasciare soli i colleghi. Un esempio, oggi celebrato dai giornali locali.

Peng era stato poi contagiato al First People's Hospital del distretto di Jiangxia, a Wuhan. Era stato ricoverato il 25 gennaio e trasferito, cinque giorni dopo, al Wuhan Jinyintan Hospital. Qui è morto la notte scorsa.

Coronavirus, due settimane fa la morte del medico eroe Wenliang

Due settimane fa era morto Li Wenliang, il medico di Wuhan che fu il primo a lanciare l'allarme sul nuovo virus che si stava diffondendo. Lo scorso 30 dicembre, in un gruppo su WeChat, aveva fatto riferimento a 7 pazienti a cui era stato diagnosticato un virus simile alla Sars.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 Le 7 persone, tutte collegate al mercato di Wuhan, erano ricoverate in isolamento. Il 34enne Li ha invitato i propri contatti a prestare attenzione. In poche ore, gli screenshot dei suoi messaggi erano diventati virali e il suo nome era salito alla ribalta. Il medico era stato poi stato accusato dalla polizia locale di diffondere notizie infondate e allarmistiche, prima di essere "riabilitato".
 

Fonte: The Straits Times →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento