Orrore in ospedale, 8 neonati uccisi: arrestata una donna

Fermata un’operatrice sanitaria al termine di un’indagine durata oltre un anno

Foto archivio

Sconcertante vicenda in Gran Bretagna, dove un'operatrice sanitaria è stata arrestata dalla polizia. Il sospetto è che la donna abbia ucciso otto neonati e abbia tentato di ucciderne altri sei al Countess of Chester Hospital. La polizia del Cheshire - riporta Bbc News - ha spiegato che l'arresto rappresenta un "significativo passi avanti" nell'indagine sulle morti nella struttura, riferisce la Bbc online.

La polizia inglese sta indagando sul decesso di 17 neonati e su 15 "collassi non fatali" verificatisi nell'Unità neonatale dell'ospedale tra marzo 2015 e giugno 2016. Il portavoce della struttura sanitaria non ha commentato la notizia, né ha comunicato la sospensione di un membro dello staff, mentre la polizia del Cheshire non ha rivelato il ruolo della donna all'interno dell'ospedale. Le indagini sono molto delicate e ancora in corso, hanno detto gli investigatori.

Nell'ospedale sono seguiti circa 400 bimbi l'anno, ma nel luglio 2016 la struttura ha smesso di assistere i prematuri nati prima delle 32 settimane, dopo che un report aveva segnalato un numero di morti e collassi superiore alle attese. Uno studio del Royal College of Pediatrics and Child Health nel febbraio successivo aveva messo in luce come i livelli degli operatori dell'Unità neonatale non rispettassero gli standard raccomandati dalla British Association of Perinatal Medicine.

Shock in ospedale: paziente ucciso a pugni
 

Fonte: Bbc →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento