Papa Francesco a pranzo con 10 transessuali

I dettagli della storica visita del Papa a Poggioreale. Tv2000 spiega che cucineranno i detenuti stessi. Non c'era questo pranzo nel programma ufficiale della visita del Pontefice al carcere, ma Francesco ha insistito, lo ha richiesto espressamente, e ovviamente è stato accontentato

Papa Francesco non smette mai di stupire, e la sua attenzione "agli ultimi", "a chi è rimasto indietro" la dimostra ogni giorno. Anche 10 transessuali pranzeranno con il Papa al carcere di Poggioreale. Sono tra i detenuti che sabato condivideranno il pranzo con il Pontefice. Cucineranno gli stessi carcerati, scrive oggi Vatican Insider.

A tavola con Bergoglio siederanno anche dieci reclusi del reparto riservato a transessuali, omosessuali e malati di Hiv.

Tv2000 spiega che cucineranno i detenuti stessi. Non c'era questo pranzo nel programma ufficiale della visita del Pontefice al carcere, ma Francesco ha insistito, lo ha richiesto espressamente, e ovviamente è stato accontentato.

Per decidere chi sarebbero stati i 90 detenuti che avrebbero pranzato col Papa, si è proceduto al sorteggio tra tutti i 1.900 reclusi.

Si dice che sarà un pasto molto frugale, perché nonostante il poco tempo a disposizione Francesco vuole salutare singolarmente ogni detenuto

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad attendere Francesco ci saranno anche i reclusi dell'altro istituto partenopeo, Secondigliano. In entrambe le strutture si contano circa tremila detenuti. Tutti, da questa visita di Francesco, si aspettano «che la loro voce - di persone comunque `costrette´ a vivere senza la propria libertà e `costrette´ anche a vivere in situazioni molto difficili - possa essere portata fuori dal Papa», dice a Radio Vaticana Anna Maria Esposito, presidente dell'associazione di volontari «Carcere Vivo».

Fonte: Vatican Insider →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento