Papa Francesco a pranzo con 10 transessuali

I dettagli della storica visita del Papa a Poggioreale. Tv2000 spiega che cucineranno i detenuti stessi. Non c'era questo pranzo nel programma ufficiale della visita del Pontefice al carcere, ma Francesco ha insistito, lo ha richiesto espressamente, e ovviamente è stato accontentato

Papa Francesco non smette mai di stupire, e la sua attenzione "agli ultimi", "a chi è rimasto indietro" la dimostra ogni giorno. Anche 10 transessuali pranzeranno con il Papa al carcere di Poggioreale. Sono tra i detenuti che sabato condivideranno il pranzo con il Pontefice. Cucineranno gli stessi carcerati, scrive oggi Vatican Insider.

A tavola con Bergoglio siederanno anche dieci reclusi del reparto riservato a transessuali, omosessuali e malati di Hiv.

Tv2000 spiega che cucineranno i detenuti stessi. Non c'era questo pranzo nel programma ufficiale della visita del Pontefice al carcere, ma Francesco ha insistito, lo ha richiesto espressamente, e ovviamente è stato accontentato.

Per decidere chi sarebbero stati i 90 detenuti che avrebbero pranzato col Papa, si è proceduto al sorteggio tra tutti i 1.900 reclusi.

Si dice che sarà un pasto molto frugale, perché nonostante il poco tempo a disposizione Francesco vuole salutare singolarmente ogni detenuto

Ad attendere Francesco ci saranno anche i reclusi dell'altro istituto partenopeo, Secondigliano. In entrambe le strutture si contano circa tremila detenuti. Tutti, da questa visita di Francesco, si aspettano «che la loro voce - di persone comunque `costrette´ a vivere senza la propria libertà e `costrette´ anche a vivere in situazioni molto difficili - possa essere portata fuori dal Papa», dice a Radio Vaticana Anna Maria Esposito, presidente dell'associazione di volontari «Carcere Vivo».

Fonte: Vatican Insider →

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Bravo papa ciccio finalmente un gesto conforme a quanto dice la bibbia, perché in effetti nelle Sacre Scritture non c'è nulla contro i transessuali, anzi, se leggiamo il Vangelo di Tommaso, possiamo capire come per un cristiano debba essere soltanto la parte spirituale, quella da coltivare e tenere monda, perché è quella che sarà reintegrata al Divino. Corollario di ciò è l'abbattimento della distinzione sessuale. È un tema che è presente anche nella predicazione di Gesù, e che Paolo riprende nella Lettera ai Galati. Quando i discepoli gli chiedono quando potranno entrare nel regno, Gesù, sempre secondo Tommaso, risponde: Quando farete di due una sola cosa… in modo da rendere il maschio e la femmina un unico individuo, così che il maschio non diventi maschio e la femmina non diventi femmina… allora entrerete [nel regno]. Ed ecco un'altra chiara indicazione dalle parole di Gesù: Infatti vi sono eunuchi che sono nati così dal grembo della madre, e ve ne sono altri che sono stati resi tali dagli uomini, e ve ne sono altri ancora che si sono resi tali per il regno dei cieli. Chi può capire, capisca. (Mat 19,12). Dunque, ecco l'ideale sessuale secondo Gesù: né maschio, né femmina, una condizione che facilmente si identi@#?*%$ con la transessualità. In conclusione cari rosiconi lettori di Today vivetevi tranquillamente la vostra sessualità senza problemi, non c'e' niente di male per nostro signore gesu' cristo se alla retta via, preferite la via del retto. Che Gesù vi assista sempre, un abbraccio fraterno, Enzo.

Più letti della settimana

  • Trend

    Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dal 14 al 20 gennaio 2019

  • Attualità

    Estrazioni Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di martedì 15 gennaio 2019

  • Economia

    Benzina e diesel, ci sono brutte notizie per gli automobilisti: ecco i rincari

  • Attualità

    Estrazioni Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di sabato 12 gennaio 2019

Torna su
Today è in caricamento