Partorisce nel bagno di casa poi versa candeggina nella bocca del figlio

Una ragazza di 17 anni ha tenuto nascosto alla famiglia di essere incinta, ha partorito il bimbo nel bagno di casa subito dopo gli ha riempito la bocca di candeggina tentando di ucciderlo: il neonato si è salvato ma ha riportato gravi ferite e ustioni al volto

I fatti risalgono alla scorsa estate, ma è in questi giorni che si sta svolgendo il processo. Una ragazza di 17 anni ha tenuto nascosto alla famiglia di essere incinta, ha partorito il bimbo nel bagno di casa subito dopo gli ha riempito la bocca di candeggina tentando di ucciderlo: il neonato si è salvato ma ha riportato gravi ferite e ustioni al volto.

Il folle gesto le era costato un'accusa di tentato omicidio, ma pochi giorni fa l'accusa è stata cambiata in crudeltà su minore. La giovane era affetta, secondo gli specialisti, da disturbo post traumatico ma non è emersa l'incapacità di intendere e volere. 

Dopo aver versato candeggina nella bocca del figlio, la giovane avrebbe cercato di farglielo espellere. In quel momento è entrata in bagno la zia dell'imputata, che ha chiamato i soccorsi. La giovane sostiene che non avesse alcuna intenzione di uccidere. A febbraio la nuova udienza di un processo che tiene banco sui media inglesi. 
 



Potrebbe interessarti