homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companies

I giudici cancellano la Pasqua a scuola: "No alle benedizioni"

A Bologna il Tar ha accolto il ricorso di alcuni genitori contro i riti della Pasqua in aula: "Così è stata affermata la laicità". Ma è polemica, come racconta il Giornale

La decisione ha sollevato polemiche

I giudici "cancellano" la Pasqua, scrive il Giornale: le benedizioni a scuola sono state vietate. A Bologna il Tar ha accolto il ricorso di alcuni genitori contro i riti della Pasqua in aula: "Così è stata affermata la laicità". Ma è polemica.

A presentare il ricorso erano stati alcuni insegnanti e genitori, che criticavano una delibera dell'anno scorso con cui il consiglio di una scuola di Bologna aveva autorizzato le benedizioni pasquali a scuola.

La proposta era stata lanciata lo scorso anno dai parroci dei plessi dell’istituto comprensivo 20. L’autorizzazione per le benedizioni, che furono poi celebrate nel mese di marzo, prevedeva che dovessero avvenire al di fuori dell'orario di lezione.

"Con l’accoglimento del nostro ricorso si è affermato un principio importantissimo, non solo per la scuola di Bologna, ma per la scuola italiana", ha detto Monica Fontanelli, una delle docenti che ha presentato ricorso, "L’indicazione è estremamente chiara: la scuola è laica. A scuola si insegna a vivere insieme, si fa cultura. Le pratiche religiose restano fuori".

Alcuni politici di centrodestra non la pensano così, e il dibattito è infuocato.



Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (13)

  • Potrei essere d accordo se le insegnanti fossero coerenti rifiutando il compenso spettante come festivita' pasquali. Niente di piu e niente di meno.

  • Succede che vogliono togliere i valori a tanti bambini e a tanti ragazzi che studiano nelle scuole non è laicità ma è laicizzazione

    • E meno male! Quello che lei ritiene dei valori non è detto che lo siano per tutti. Quindi bisogna aver rispetto per tutti. Fuori della scuola suo figlio può far tutta la religione che vuole e imparare tutti i suoi valori, ma nella scuola dove va anche mia figlia pretendo che non si impongano valori che io non accetto. Questa si chiama democrazia. La laicità è un valore fondante di qualsiasi costituzione moderna. Anche della nostra.

      • Giusto allora sii coerente. All ora di religione ritiri sua figlia. Punto.

      • Bhe allora facciamo crescere le nuove generazioni raccontando che esiste ul dio web il dio facebook e l app che ci salvera dalla playstation. Ma dai un po di serieta. Proprio perche ci stiamo troppo modernizzando stiamo abbandpnandomi veri valori. Mma...

  • Comunque una benedizione, anche per questa professoressa non le avrebbe tolto nulla! E si trovasse il modo, anziché una benedizione cattolica, di fare un'ora di riflessione sulla Pasqua cristiana, ebraica ecc. Perché togliere ai ragazzi momenti di approfondimento? Vedo che si tende, a scuola, a togliere, anziché arricchire con incontri, spiegazioni, approfondimenti. Perché non ridare "l'entusiasmo" (purtroppo manca) per la conoscenza del passato, del presente e del futuro?

    • Benissimo. Allora approfondiamo anche temi come l'ateismo marxista e l'agnosticismo razionalista, il buddismo, il panteismo, ecc. ecc. Magari poi si può finalmente fare anche una sana e più utile educazione sessuale, dove si spiegano ai nostri figli i problemi di salute per rapporti non protetti con sconosciuti, le problematiche dell'aborto. ecc. ecc.

  • Claudio...io sono stufo di commentare, tanto decidono sempre gli altri per noi e noi ormai siamo considerati il nulla da i nostri stessi connazionali...e forse hanno ragione perché nessuno protesta, nessuno dice niente...milioni di persone per il family day e quando calpestano il nostro essere con tasse e soprusi nessuno dice niente...Io sono veramente disgustato...ma ormai rassegnato!

    • Hai ragione! Quelli del family day (pochetti a dire il vero) hanno davvero calpestato i diritti di tutte le coppie gay che, nonostante il family day, resteranno gay e continueranno a coltivare l'affetto per i loro figli. Qui se c'è qualcuno che sopprime i diritti è proprio la Chiesa Cattolica che interferisce in affari di stato che non le competono (Bagnasco docet).

  • Povera Italia ....

  • I mussulmani fanno togliere la raffigurazione di Maometto dalle loro scuole?

    • Forse no, ma chi se ne frega! Noi dobbiamo essere superiori a tutto ciò e più tolleranti, come lo era il Cristo che venerate!

      • Noi italiani con la nostra tolleranza siamo presi in giro dalla maggioranza delle popolazioni...Viaggiate all'estero e troverete conferma!

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Vittorio Sgarbi ricoverato d'urgenza: in ospedale con l'elisoccorso

  • Gossip

    Maretta in casa Totti: la colpa è del Grande Fratello

  • Citta

    Il Ponte di Christo è un inferno, idranti sulla folla: "Non venite nel pomeriggio"

  • Citta

    Cosenza, spari contro ex consigliere comunale: era in auto col figlio

Torna su
Today è in caricamento