Arriva la marijuana di Stato, costa 68 cent al grammo: "Così si batte la criminalità"

Nel paese del presidente Pepe Mujíca è stato fissato ieri il costo che i consumatori dovranno pagare a partire dal 2014 per acquistare in farmacia un grammo di marijuana prodotta dallo Stato

Da tempo l'Uruguay ha intrapreso un discusso cammino per sottrarre il mercato delle droghe leggere alla criminalità organizzata.

E' da decenni l’obbiettivo degli antiproibizionisti. In Uruguay quello che a lungo sembrava un impossibile sogno di alcuni presidenti diventa realtà. Nel paese del presidente Pepe Mujíca è stato fissato ieri il costo che i consumatori dovranno pagare a partire dal 2014 per acquistare in farmacia un grammo di marijuana prodotta dallo Stato: 20 pesos, al cambio attuale circa 68 centesimi di Euro.

Il prezzo non è stato stabilito "a casaccio": è competitivo con quello dell'erba spacciata sulla piazza per quel che riguarda la marijuana paraguayana, la più diffusa a Montevideo e dintorni.

Il giornalista Gennaro Carotenuto, attento osservatore delle dinamiche latinoamericane, sul suo blog scrive:

I consumatori potranno acquistare fino a 40 grammi al mese, «di erba di primissima qualità -sostiene il segretario generale della Giunta Nazionale per le Droghe, Julio Calzada- rispetto a quella illegale che è in genere pessima e dannosa». Inoltre ci sarà un registro dei produttori per autoconsumo che saranno autorizzati alla coltivazioni mentre il mercato illegale continuerà ad essere sanzionato con pene fino a 10 anni.

La fine della criminalizzazione dell’autoproduzione è stata una delle principali richieste dei movimenti antiproibizionisti in tutto il mondo. In Uruguay il Partito Nazionale (centro-destra) ha già annunciato la raccolta di firme per un referendum contro la legge.

Come ricorda il quotidiano uruguaiano El Pais, la legalizzazione dell'erba e' gia' stata approvata dalla Camera e verra' licenziata anche dal Senato entro la fine dell'anno e la legge rendera' l'Uruguay il primo paese al mondo a concedere licenze per la produzione, la distribuzione e la vendita di marjuana per consumatori adulti.

Secondo il responsabile delle politiche antidroga Julio Calzada, le vendite dovrebbero iniziare nella seconda meta' del 2014. L'idea non e' quella di fare soldi ma di tenere i venditori illegali fuori dal mercato. La vendita della marijuana sara' però riservata solo ai residenti nel paese sudamericano.

Potrebbe interessarti

Più letti della settimana

Torna su
Today è in caricamento