Raggi, via il simbolo del M5s se patteggia o viene condannata

"Il codice etico è chiaro", ha detto al Messaggero Andrea Ciannavei, avvocato che ha difeso il "brand" M5s in vari processi. Che però precisa: "E' una ipotesi che non è all'orizzonte"

Virginia Raggi

"Non lo dico io: lo dice il codice etico del M5S. Con la condanna in primo grado o con il patteggiamento saremo costretti a togliere il simbolo alla sindaca Virginia Raggi". 

Lo afferma al Messaggero Andrea Ciannavei, avvocato che ha difeso il "brand" M5s in vari processi. Che però precisa: "In questo momento non è assolutamente nei nostri pensieri, non ci pensiamo neanche a un’ipotesi del genere, perché non è all’orizzonte. È un’ipotesi a cui non vogliamo pensare e non ci sono motivi per pensarci. Sul rinvio a giudizio il codice etico è molto chiaro: può rimanere. Al contrario, per la condanna in primo grado si procede con fermezza". 

Sulla possibilità che ci siano eccezioni o strappi alle regole, Ciannavei è netto: "No, il nostro è un meccanismo molto più rigido rispetto a quello degli altri partiti che non si sono dotati di questi accorgimenti".

Fonte: Il Messaggero →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento