"Con il reddito di cittadinanza pagherò gli alimenti a mio figlio": il caso fa discutere

Ad Alessandria un uomo attende proprio quei soldi per pagare gli alimenti al figlio. In poco meno di un decennio non ha versato la cifra stabilita dal giudice, scrive la Stampa

Dal 15 di aprile in poi inizieranno i pagamenti del reddito di cittadinanza per coloro la cui domanda è stata accolta. Ad Alessandria un uomo attende proprio quei soldi per pagare gli alimenti al figlio. In poco meno di un decennio non ha versato la cifra stabilita dal giudice, sostenendo di non avere i soldi perché disoccupato da quando la ditta per cui lavorava aveva chiuso i battenti. Ora la moglie gli chiede tutti gli arretrati, racconta la Stampa. 

La madre del ragazzo lo ha portato in tribunale, perché in passato era stato stabilito un assegno di mantenimento di 170 euro mensili, mai versati. L'uomo in passato qualche volta ha accompagnato il figlio in vacanza "con i soldi di mia madre, quando era ancora viva, e di mia zia". Pensava che il figlio potesse crescere "con i soldi dei nonni materni". Ora però qualcosa potrebbe cambiare per quel che riguarda la disponibilità economica della persona coinvolta. Il 54enne ha fatto richiesta per il reddito di cittadinanza. Ci sono alcuni dubbi però a tal proposito. In ogni caso l'avvocato dell'uomo chiede l'assoluzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se ad A.F. sarà proposta (e accetterà) un’occupazione, dal salario potrà tirar fuori i soldi per il figliolo minorenne. Ma fino a quel momento, con il reddito di cittadinanza non è contemplato il mantenimento di figli minori: la card rilasciata consente il pagamento di acquisti alimentari, di farmaci, dell’affitto e un piccolo prelievo mensile in contanti.

Fonte: La Stampa →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento