Renzi: "Non vogliamo entrare in guerra"

"Occorre agire con moderazione" ribadisce il premier al Corriere della Sera, spiegando che le parole chiave devono essere "prudenza e serietà" per "non spaventare gli italiani"

"Io sono prudente per varie ragioni quando si parla di guerra. Dobbiamo essere seri, non stiamo discutendo di un congresso di partito, ma di un conflitto e noi non vogliamo entrare in guerra". E' questa, secondo il Corriere della Sera, la posizione del presidente del Consiglio Matteo Renzi sulla lotta al terrorismo dopo i tragici attentati a Parigi. "Occorre agire con moderazione" ribadisce il premier, spiegando che le parole chiave devono essere "prudenza e serietà" per "non spaventare gli italiani".

"Noi siamo impegnati nella coalizione sul fronte dell'Iraq e lasciamo i nostri soldati in Afghanistan, facciamo la nostra parte - prosegue Renzi - ma ci vuole il massimo di responsabilità". "Siamo capaci di usare il pugno duro e lo abbiamo dimostrato ma niente soluzioni semplicistiche", osserva. "E' fondamentale il dialogo tra Usa e Russia" conclude Renzi, "bisogna assolutamente lavorare su questa linea".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte: Corriere della Sera →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento