Scoprono di essere sorelle e dopo 27 anni ritrovano la madre grazie a un libro

Separate da bambine e adottate da famiglie diverse, Veronica e Paola si sono rincontrate tramite Facebook, poi grazie a un libro hanno ritrovato anche la madre

Veronica Veneroni e sua sorella Paola Almasio erano state separate quando erano ancora bambine, adottate da due famiglie diverse. Sei anni fa si sono ritrovate tramite Facebook e grazie a un libro hanno anche incontrato la madre, 27 anni dopo l'ultima volta.  Questa l'incredibile storia raccontata da Rossella Burattino sul Corriere della Sera.

Veronica e Paola sono figlie di una coppia di hyppie: Francesca, una donna italiana, e un giapponese, di nome Hiroyuchi. Insieme al fratello Francesco, hanno vissuto per anni in giro tra Thailandia, India e Indonesia, finché il padre ha deciso di tornare in Giappone. Con la madre, i tre fratelli sono quindi tornati a vivere in Italia, a Padova, in condizioni precarie, finché non sono intervenuti gli assistenti sociali. Veronica e Francesco vengono quindi dati in adozione a una famiglia a Villasanta (Monza) e Paola a una a Milano. Veronica aveva 10 anni e da quel giorno non ha più saputo nulla di Paola, finché sei anni fa lei non l'ha cercata su Facebook: oggi hanno 43 e 38 anni. 

Dopo 29 anni anni mamma e figlio si incontrano: il lungo abbraccio in aeroporto

Un giorno scoprono l'esistenza di un libro, "Paglì, l'ultima hippy" di Enrico Zorzato, che racconta la vita della sua amica Francesca Bagni. Ossia la madre di Veronica e Paola, che nel frattempo aveva avuto altri due figli, Luca e Fedra. 

"L’abbiamo incontrata dopo 27 anni – rivela Veronica al Corriere -. Io mi sono domandata “'chi è questa donna segnata dalla vita?', non ho avuto una bella sensazione. Mi sentivo strana. Invece, sono stata felicissima di conoscere Fedra e di vedere le mie foto da piccola in luoghi pazzeschi che ormai avevo rimosso".

Veronica ha rincontrato anche il padre, che in Giappone è "una specie di guru che tiene conferenze sull'inquinamento e le bombe atomiche". "Sono stata con lui mezza giornata, mi è bastata e ho preferito non vederlo più. È più facile riaprire delle ferite che chiuderle, ma è stato bello scoprire le tradizioni del Sol Levante con mia sorella Fedra".

Fonte: Corriere della Sera →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento