Salva una gattina, tenente rischia un anno di carcere

Succede in Kosovo presso l'Italian Village, la base militare del nostro paese: Balbara Balanzoni, la soldatessa che aiutò una gatta a partorire, rischia un anno di carcere

Rischia il carcere per avere salvato una gatta incinta mentre era di servizio nella base Nato del paese balcanico in Kosovo. Barbara Balanzoni, una tenente italiana che di professione fa l'anestesista in Toscana, secondo le accuse della procura militare, avrebbe violato un ordine scritto di "non avvicinarsi o farsi avvicinare da animali selvatici, randagi o non accompagnati" nei pressi dell'edificio militare noto come "Villaggio italiano". L'accusa formale è di "grave insubordinazione" per avere disobbedito all'ordine, firmato da un comandante della base nel maggio 2012. Se dichiarata colpevole, rischia fino a un anno di carcere.

Nell'intervista rilasciata al "Guardian", la 39enne ha raccontato che al tempo c'erano molti felini alla base e che sebbene fossero teoricamente randagi, erano trattati con affetto dai militari e appartenevano al posto. Il giorno del presunto incidente alcuni soldati hanno telefonato all'infermeria per chiedere aiuto, preoccupati per le urla di una gatta chiamata Agata. Dato che l'ufficiale veterinario in quel momento era in Italia, "ben lontano dal disobbedire l'ordine, ho seguito - ha spiegato Balanzoni - le regole militari, secondo le quali, in assenza del veterinario, deve intervernire l'ufficiale medico".

Così Barbara andò a trovare la gatta che si era rifugiata in una tenda per partorire, ma aveva avuto delle complicazioni e senza il suo intervento Agata sarebbe sicuramente morta. "Se la gatta fosse morta, l'area intera avrebbe dovuto essere disinfettata. Oltre a ciò, i gattini sopravvissuti non avrebbero potuto ricevere nutrimento e sarebbero morti, creando un problema di sanità pubblica ancora maggiore", ha concluso Balanzoni.

Ma per i procuratori, invece che avere prevenuto un problema di sanità pubblica, la reservista avrebbe potuto causarne uno: nell'aiutare Agata, la tenente è stata morsa (ciò che lei ha descritto solo come un "graffio"), e ha dovuto essere trasferita in un ospedale in Germania per essere vaccinata contro la rabbia.

Il caso sarà portato in tribunale il 7 febbraio, ma prima sarà oggetto di una interrogazione parlamentare al ministro della Difesa italiano Mario Mauro. A sostenere Balanzoni, è intervenuto l'Ente Nazionale Protezione Animali, che ha lanciato una petizione online firmata da oltre 10mila persone. Agata invece è viva e continua a vivere nella base Nato in Kosovo.

Fonte: The Guardian →

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di Carlo Brancaleone
    Carlo Brancaleone

    Oramai siamo alla frutta, tutti questi animalisti del c. pronti ad ammazzare gli esseri umani per difendere un gatto di m...

  • Bravo Ale...cosa credono di risolvere questi ad essere cosi cattivi con la natura,se è vero che c'è un Dio spero che un giorno ci dia la resa dei conti per quello che facciamo...

  • Avatar anonimo di Carlo Brancaleone
    Carlo Brancaleone

    Non capisco quale sarebbe stato il problema sanitario per una gatta morta. Una pallottola in testa per non farla soffrire ed una buca nel terreno avrebbero risolto il problema ed evitato tutti i costi di un processo ecc

    • Avatar anonimo di gian
      gian

      Una pallottola per te sarebbe uno spreco.

    • sparatela in testa a te una pallottola ed esci dalle balle

Più letti della settimana

  • Sport

    Giro d'Italia 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Elezioni europee 2019

    Elezioni europee 2019, la guida al voto: tutto quello che c'è da sapere

  • Love & corn

    Matrimonio Pamela Prati, Georgette crolla: "Ho ricostruito il puzzle. Ora ho paura"

  • Meteo

    Meteo, sorpresa "amara": ecco quando arriva finalmente il caldo

Torna su
Today è in caricamento