"Trump ha proposto di sparare ai migranti alle gambe"

Lo rivela oggi il quotidiano "New York Times" basandosi su interviste con diversi funzionari dell'amministrazione della Casa Bianca: ma non è la prima "folle" proposta del Presidente sul tema dell'immigrazione irregolare al confine tra Stati Uniti e Messico

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha suggerito di far sparare alle gambe dei migranti al confine con il Messico, nel caso questi lanciassero pietre, durante un incontro nel marzo scorso con i consulenti della Casa Bianca nello studio ovale. Lo rivela oggi il quotidiano "New York Times" basandosi su interviste con diversi funzionari dell'amministrazione della Casa Bianca coinvolti nell'incontro.

L'inquilino della Casa Bianca, ricorda il quotidiano, aveva gia' suggerito di sparare ai migranti che lanciano pietre durante un discorso a novembre. Il presidente fece marcia indietro quando gli fu spiegato che era illegale ma successivamente, in un incontro, suggerì che sparassero loro alle gambe. Il quotidiano aggiunge poi che Trump voleva fortificare il muro di confine con il Messico con una fossa piena d'acqua (con serpenti e coccodrilli, scrive il NyTimes) e che aveva in mente anche un muro elettrificato. Anche in questo caso, i suoi consulenti gli fecero notare che le reti elettrificate sono vietate dalla legge.

Il quotidiano riporta anche altre inapplicabili richieste di Trump. A marzo chiese ai suoi consiglieri alla Casa Bianca se fosse possibile chiudere l'intero confine di 2.000 miglia con il Messico a mezzogiorno del giorno successivo: ovviamente non se ne fece nulla.

"Ho il potere assoluto di chiudere il confine", ha detto Trump in un'intervista in estate al New York Times. Più di una dozzina di funzionari della Casa Bianca e dell'amministrazione avrebbero confermato le "folli" proposte di Trump per affrontare il problema dell'immigrazione irregolare dal Messico.

Fonte: New York Times →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento