Taglio dei parlamentari, a sorridere sono Lega e Fratelli d'Italia

Secondo una simulazione Swg basata sulla rielaborazione dei dati elettorali delle Europee 2019 e delle stime di voto dell'11 novembre, se si votasse adesso gli unici a non perdere deputati sarebbero Salvini e la Meloni

Matteo Salvini e Giorgia Meloni (FOTO ANSA)

Il taglio dei parlamentari, “sforbiciata” fortemente voluta dal Movimento 5 Stelle, tanto da diventare misura imprescindibile nella formazione del governo con il Pd, potrebbe portare vantaggi soltanto agli avversari politici. Chi avrebbe più seggi dopo la riduzione da 945 a 600, tra parlamentari e senatori? Secondo una simulazione Swg pubblicata sulla versione cartacea del Sole24Ore e basata sulla rielaborazione dei dati elettorali delle Europee 2019 e le stime delle intenzioni di voto all'11 novembre, gli unici a non perdere deputati sarebbero Lega e Fratelli d'Italia. 

Taglio dei parlamentari, sorridono Lega e Fratelli d'Italia

Come riporta Mariolina Sesto sul 'Sole', allo stato attuale delle cose soltanto Matteo Salvini e Giorgia Meloni troverebbero giovamento in parlamento dal taglio, dando una notevole spinta a tutto il centrodestra. Secondo lo studio, l'alleanza formata da Lega, Fdi e Forza Italia porterebbe a casa 267 deputati rispetto agli attuali 264, nell'ipotesi che Pd e M5S corrano separati. Se invece dem e grillini si presentassero uniti, il centrodestra avrebbe 223 deputati. 

"Ovviamente", riporta il quotidiano economico, "cambierebbe del tutto la geografia interna al centrodestra": nel proporzionale la Lega avrebbe 93 deputati, Fdi 25, Fi 17 e Cambiamo! di Toti nessun seggio. "A questi si aggiungerebbero i seggi dell'uninominale, variabili da 132 a 88 a seconda - rispettivamente - se M5S si presentasse separato dal centrosinistra o unito". 

taglio-parlamentari-grafici-sole-24-ore-16-novembre-2019-2
(Estratto della pagina n°10 del Sole24Ore di sabato 16 novembre 2019)

Probabilmente, spiega il Sole24Ore, "con l'aggiunta dei seggi uninominali, la Lega (e in percentuale minore Fdi) potrebbe persino aumentare l'attuale numero di seggi superando i 124 deputati odierni (35 quelli di Fdi)". Crollo verticale invece per i 5 Stelle. Il Movimento guidato da Luigi Di Maio perderebbe infatti il 79% degli attuali seggi, passando da 216 a 46 deputati.

Fonte: Il Sole 24 Ore →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento