"Chi è soccorso ubriaco o drogato deve pagare l'ambulanza"

Tassa di trasporto in ambulanza a carico di chi viene soccorso se ubriaco o drogato. La proposta per l'aumento di ferimenti e decessi dovuti alla guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti: "L'addebito del costo del trasferimento in ambulanza rappresenta un messaggio importante"

Sulla proposta aspro dibattito al consiglio regionale della Liguria

Tassa di trasporto in ambulanza a carico di chi viene soccorso se ubriaco o drogato. Su richiesta dello stesso proponente, il Consiglio regionale della Liguria, con 16 voti a favore (maggioranza di centrodestra) e 15 contrari (minoranza), ha rinviato in commissione la mozione presentata da Alessandro Piana (Lega Nord Liguria-Salvini) in cui si impegna la giunta ad istituire una tassa sul trasporto in ambulanza a carico di chi viene soccorso perché ubriaco o sotto l'effetto di stupefacenti e a devolvere i proventi rispettivi ad un fondo a favore delle vittime della strada e/o ad altre iniziative legate alla prevenzione.

Nel documento si rileva che sono in costante aumento ferimenti e decessi dovuti alla guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti: "I volontari di Pubbliche Assistenze si trovano costantemente ad effettuare soccorsi in incidenti stradali causati dall'eccessivo consumo di sostanze alcoliche e stupefacenti - ha spiegato Piana - e l'addebito del costo relativo al trasferimento in ambulanza rappresenta un messaggio importante, con una forte connotazione educativa, soprattutto per i nostri giovani; questi ultimi devono prendere coscienza che il divertimento deve essere responsabile. Tanto più che il costo del trasporto in ambulanza rappresenta una spesa notevole per il Sistema Sanitario pubblico e le ambulanze, quando sono impegnate in un soccorso di questo genere, non sono disponibili per altri interventi".

Nel dibattito sono intervenuti Valter Ferrando (Pd), Francesco Battistini (Mov5Stelle), che hanno espresso parere contrario a nome dei rispettivi gruppi. Voto contrario hanno annunciato anche Sergio Rossetti (Pd) e Gianni Pastorino (Rete a sinistra), il quale ha chiesto a Piana di ritirare il documento. Piana, invece, ha proposto al Consiglio di rinviare la mozione nella commissione competente per effettuare alcuni approfondimenti. Angelo Vaccarezza (FI) si è dichiarato favorevole al rinvio in commissione.