"De Falco non è un eroe, la telefonata del 'salga a bordo' era costruita"

Parla l'avvocato di Francesco Schettino. Al controesame mise sotto torchio De Falco, e oggi spiega: "Quella telefonata era costruita, si cercava un capro espiatorio"

ROMA - Sull'opportunità o meno del trasferimento in ufficio, preso dal diretto interessato come una sorta di "punizione", non si sbilancia. Ma è certo che Gregorio De Falco, l'ormai ex capo della sezione operativa della direzione marittima di Livorno, non sia un eroe. E ne è convinto perché è stato lui stesso, dice, a dimostrare che quella telefonata del "salga a bordo cazzo" era tutta preparata, studiata a tavolino. 

A parlare così è, in esclusiva per Qui Grosseto, Patrizio Lepiane, noto penalista di Monza, che nell’ambito del processo Concordia ha svolto, per la difesa di Francesco Schettino, il controesame del capitano quando sedette sul banco dei testimoni. In quel caso il legale aveva messo sotto torchio De Falco per oltre tre ore, al fine - racconta "di riabilitare la figura di Schettino agli occhi dell’opinione pubblica da diversi punti di vista, tra cui quello marittimo".

"Dopo la famosa udienza uscirono sui giornali diversi articoli dai quali emerse che, per quanto incalzato dalla difesa, il comandante De Falco ha sempre sostenuto di aver agito nell’interesse delle persone a bordo. La stampa però ha sviato da quello che era l’intento del controesame".

Quindi, il vero e proprio attacco al comandante diventato eroe: 

La telefonata che ha fatto il giro del mondo non nasce direttamente tra De Falco e il comandante Schettino. All’inizio della registrazione, infatti, si sente che il comandante della Capitaneria di Livorno dice: “Dovevo chiamare il procuratore, cazzo!” Tutto è stato costruito in modo tale da poter dare in pasto all’opinione pubblica il capro espiatorio migliore del mondo.

Insomma tutto ribaltato: De Falco non è un eroe. Schettino non è un colpevole. Almeno non l'unico. 

Fonte: QuiGrosseto.it →

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (13)

  • Possiamo controllarle noi, le navi in navigazione...

  • Ho una "vaga conoscenza" delle procedure marittime e, nel concordare con tutti che il Comandante è il responsabile in primis in quanto tale a causare l'impatto credo che siano stati l'Ufficiale di rotta, il nostromo e la CP che traccia tutte le navi nelle acque nazionali e non. Le solite modalità di faciloneria italiana ha permesso a costoro di patteggiare subito tanto il "responsabile unico" già c'era.....perché sprecarsi a trovare anche gli altri. Comunque, concordo col fatto che la telefonata per le modalità con cui é avvenuta e la tempistica di consegna alla stampa sembrava proprio voler allontanare il sospetto dalla CP di Livorno.........a pensar male si fa peccato ma molto spesso ci si azzecca (in particolare se si sa come funziona)!!!

  • Concordo con Pinco Pallo

  • Avatar anonimo di Picky
    Picky

    Premesso che Schettino sia sicuramente colpevole, non sarebbe servito a nulla se fosse risalito a bordo, non avrebbe migliorato nessun altro destino. Lo so, la frase di De Falco è stata di sicuro effetto mediatico ma ormai il peggio era avvenuto (irreversibile).

    • "Il comandante deve abbandonare la nave per ultimo, provvedendo in quanto possibile a salvare le carte e i libri di bordo, e gli oggetti di valore affidati alla sua custodia" cosi' recita il codice di navigazione italiano. telefonata costruita o no, l'avvocato si sta arrampicando sugli specchi pieni di sapone.

      • "Il comandante deve abbandonare la nave per ultimo, provvedendo in quanto possibile a salvare le carte e i libri di bordo, e gli oggetti di valore affidati alla sua custodia" cosi' recita il codice di navigazione italiano. telefonata costruita o no, l'avvocato si sta arrampicando sugli specchi pieni di sapone.

  • L'avvocato ha fatto il suo lavoro "difendere a spada tratta anche gli imbecilli e disonesti" rimane il fatto che Schettino ha lasciato la nave e stava al comando in compagnia della sua amante. Ma mi sbaglio o siamo in Italia ?? cosa va l'Italia

  • paolo non ci scommetto perche sarà cosi

  • e meno male che siamo un paese di navigatori! poveri noi!

  • Che schifo, siamo alla frutta....

  • Ah... sarà per questo che Schettino è stato chiamato all'università per tenere lezione. Lui sa gestire il panico, infatti è scappato.

  • Chi scommette che questa storia va a finire che De Falco ha affondato la Concordia e che Schettino ha cercato di salvarla?

    • Scherziamo? Risulterà che la Concordia si è suicidata, Schettino al massimo risulterà come occultatore di cadavere e De Falco avrà abusato d'ufficio con l'aggravante del turpiloquio (sic!)

Più letti della settimana

  • Attualità

    Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di giovedì 13 dicembre 2018

  • Attualità

    Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di lunedì 10 dicembre

  • Attualità

    Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di martedì 11 dicembre 2018

  • Politica

    Sondaggi, Salvini sorride "solo a metà": c'è un'inattesa brutta notizia per lui e per Di Maio

Torna su
Today è in caricamento