Teresa e Trifone, quei messaggi sospetti dal profilo anonimo di Giosuè

Giosuè Ruotolo, indagato per l'omicidio dei due fidanzati uccisi nove mesi fa davanti al palazzetto dello sport di Pordenone, avrebbe messo in guardia Teresa, sostenendo che il fidanzato aveva relazioni con altre donne. Lo scrive oggi il Gazzettino

Dalle indagini su pc e telefoni di Giosuè Ruotolo sarebbero emerse alcune novità. Messaggi definiti "molesti" a Teresa Costanza sarebbero stati inviati attraverso il profilo Facebook anonimo creato da Giosuè Ruotolo: è una voce che l’avvocato Roberto Rigoni Stern commenta così: "Nessuna molestia. Solo uno scambio di messaggi con Teresa per avvertirla dell’atteggiamento libertino di Trifone". 

Giosuè Ruotolo, indagato per l'omicidio dei due fidanzati davanti al palazzetto dello sport di Pordenone, avrebbe messo in guardia Teresa, sostenendo che il fidanzato aveva relazioni con altre donne. Lo scrive oggi il Gazzettino

Gli inquirenti ritengono da tempo che la verità vada cercata sempre di più nei pc e nei telefoni del caporale Ruotolo e della sua fidanzata, la studentessa universitaria Maria Rosaria Patrone, anche lei indagata per false informazioni rese al pm, per istigazione all’omicidio e/o in alternativa favoreggiamento. Teresa Costanza e Trifone Ragone vennero barbaramente uccisi il 17 marzo 2015.



Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Più letti della settimana

    • Donna

      Il bimbo mette gli occhiali e vede per la prima volta il volto della sua mamma | VIDEO

    • Rassegna

      Follia in autostrada, si fermano in una piazzola e iniziano a fare sesso (in pieno giorno)

    • Citta

      In vacanza per tutta la vita: con un "Turista per sempre" vince 1 milione e 840mila euro

    • Cronaca

      Sesso con due ventenni, poi va dai carabinieri: "Hanno girato un video, ora ho paura"

    Torna su
    Today è in caricamento