homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-store

Ucciso in Siria Charaffe el-Mouadan: "La mente della strage al Bataclan"

Un pericoloso terrorista della cellula che ha organizzato i terribili attentati di Parigi è stato ucciso in Siria. Lo ha annunciato il Pentagono: "E' uno dei dieci capi dell'Isis uccisi nei recenti raid"

Abdelhamid Abaaoud, a sinistra, e Charaffe al-Mouadan, a destra

Un esponente di punta dello Stato Islamico legato alla "mente" della cellula che ha organizzato i terribili attentati di Parigi è stato ucciso in Siria. Lo ha annunciato il Pentagono. Charaffe El Mouadan "è uno dei dieci capi dell'Isis uccisi nei recenti raid" condotti contro gli estremisti dagli Stati Uniti. Lo ha detto il colonnello Steve Warren, portavoce delle operazioni militari statunitensi contro l'Isis. 

El-Mouadan, 27 anni, che secondo gli Usa è stato ucciso il 24 dicembre in un raid americano in Siria, è sospettato di aver coordinato l'attacco al Bataclan insieme ad Abdelhamid Abaaoud, considerato il cervello degli attentati del 13 novembre alla capitale francese. Originario di Drancy, località nei pressi di Parigi, questo jihadista francese dell'Isis era partito per la Siria nell'agosto del 2013, anche se era in libertà vigilata in Francia in attesa di processo. Era un amico di infanzia di uno dei kamikaze della sala concerti, Samy Amimour.

Il quotidiano Le Parisien è stato il primo a rivelare circa una settimana fa l'esistenza di el-Mouadan. Gli inquirenti sono stati messi sulle sue tracce grazie ad un testimone ascoltato alcune ore dopo il sanguinoso attacco al Bataclan. Presente nella sala concerto la sera della strage e molto vicino fisicamente ai terroristi, il testimone ha potuto fornire agli investigatori dettagli precisi. Parlando di uno dei tre kamikaze, ha affermato: "quest'uomo indossava una tuta. Portava una barba e mi ha dato l'impressione di essere il leader. Era più posato del suo complice. Ci hanno in seguito messo come scudi umani intorno ad un corridoio e davanti alle finestre". Il testimone ha aggiunto che il terrorista ha domandato al negoziatore della polizia di far allontanare i suoi colleghi, perché "avevano delle cinture di esplosivi e avrebbero fatto saltare tutto".

L'ostaggio ha rivelato una identità che non era apparsa ancora nel dossier dell'inchiesta. Si ricorda di aver sentito "il più alto" dei due kamikaze chiedere al suo complice se "intendeva chiamare Suleyman". "Quello basso ha risposto di no, che avrebbero fatto le cose a modo loro", ha confidato ancora questo prezioso testimone. "Ha anche aggiunto che doveva parlare in arabo. Dopo c'è stata una discussione molto tesa fra loro. Avevo l'impressione che non si conoscessero bene", ha aggiunto ancora.



Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Ha conosciuto la giustizia del DIO di Abramo.

  • uno di meno!

  • finalmente andrà al bar da allah

  • Pöra bestia

Più letti della settimana

  • Mondo

    Marcus Bellamy, ex ballerino di "Amici" uccide il fidanzato e chiede perdono su Facebook

  • Cronaca

    Genitori dimenticano la bimba in autogrill... e se ne accorgono dopo 2 ore

  • Media

    Lirica, è morta la soprano Daniela Dessì

  • Rassegna

    Sesso in auto con l'amante, due predicatori islamisti finiscono a processo

Torna su
Today è in caricamento