Marco Vannini, parlano gli avvocati di Ciontoli: "Urlare 'vergogna'? Si va oltre il confronto civile"

Dopo la sentenza d'appello, gli avvocati della famiglia Ciontoli sono stati intervistati da "Quarto Grado": "Omicidio volontario? Va dimostrato"

Antonio Ciontoli è accusato della morte di Marco Vannini, il 20enne ucciso il 18 maggio 2015 a Ladispoli (Roma), allora fidanzato con la figlia dell’uomo, Martina. In primo grado, Ciontoli è stato condannato a 14 anni per omicidio volontario, pena poi ridotta a 5 in secondo grado, perché derubricata ad omicidio colposo. Confermati, invece, i tre anni per il resto dei componenti della famiglia (moglie e due figli).

“Quarto Grado” - nella puntata in onda venerdì 1 febbraio su Retequattro - ha proposto un’intervista esclusiva agli avvocati della famiglia Ciontoli, Andrea Miroli e Pietro Messina. Di seguito, alcuni stralci dell’intervista realizzata da Anna Boiardi.

"Giustizia per Marco Vannini", migliaia di firme. E Ciontoli non sarà reintegrato in Marina

Giusto dare l’omicidio colposo ad Antonio Ciontoli?

A: «Per poter parlare di omicidio volontario va dimostrata la volontà. La Corte d’Assise d’Appello ha applicato il massimo della pena per l’omicidio colposo. Che poi qualcuno possa dire che vi è sproporzione tra la tragicità del fatto e la pena applicata, questa è una valutazione che non può essere additata ai magistrati. Noi comprendiamo benissimo il dolore della famiglia Vannini, tuttavia in uno Stato di diritto è giusto che vengano applicate le regole».

Il comportamento di Antonio Ciontoli è quello di una persona che spinge al suo interesse e fa morire un ragazzo?

A: «Questa cosa evidenzia ancora di più il fatto che non ci sia stato dolo. È proprio l’egoismo che ha spinto Antonio a comportarsi in questo modo. E dimostra che, se avesse saputo che Marco stava per morire, si sarebbe comportato in maniera diversa».

Antonio Ciontoli andava assolto?

P: «No. Assolto in questi termini, assolutamente no. Anche lui l’ha detto: si è assunto la responsabilità di quello che è accaduto e cioè la morte del ragazzo. Ma ha sempre proclamato la sua indisponibilità ad accettare che lui volesse effettivamente che Marco morisse. Le sentenze possono essere criticate, ma c’è stata un’aggressione nei confronti dei magistrati che riteniamo debba rientrare. È un tema che è all’ordine del giorno del Consiglio Superiore della Magistratura, perché sono episodi che si ripetono un po’ troppo spesso».

L’unica aggressione che però si è sentita in aula è stata quella del giudice contro la madre di Marco.

P: «Quando si definisce una sentenza vigliacca, quando si urla “Vergogna!”, mi pare si vada oltre quello che può essere un confronto civile».

In Cassazione su cosa potete puntare?

A: «Innanzitutto bisogna conoscere la motivazione: a noi preme in modo particolare la difesa dei familiari di Antonio Ciontoli».

Andavano assolti gli altri membri della famiglia?

A: «Il dibattimento ha dimostrato inequivocabilmente una differenza sostanziale nella consapevolezza tra Antonio e gli altri imputati. I due figli e la moglie sono stati indotti in errore dal padre. Le condizioni di Marco, in termini di gravità, non erano percepibili. I famosi due litri di sangue persi sono un’emerita corbelleria, perché Marco il sangue l’ha perso solo internamente».

Come stanno vivendo questi giorni i Ciontoli?

P: «Questo sicuramente non è un passaggio indolore. Questa tragedia che li ha coinvolti non è una cosa che passerà in maniera tranquilla. Per molti anni vivranno questa condizione di sofferenza, al di là di quelle che saranno le risultanze dei processi».

Fonte: Quarto Grado →

Potrebbe interessarti

  • Come fare la valigia perfetta

Più letti della settimana

  • SuperEnalotto, estratto il "6" da 209 milioni di euro: i numeri vincenti di oggi 13 agosto 2019

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di oggi sabato 17 agosto 2019: numeri vincenti

  • Deva Cassel, figlia di Monica Bellucci, incanta i paparazzi in Grecia (FOTO)

  • Addio Nadia Toffa, in centinaia alla camera ardente

Torna su
Today è in caricamento