Vende un rene per comprarsi l'iPad: processo contro trapianto organi umani illegale in Cina

A processo i responsabili del fatto di cronaca che ha sconvolto la Cina

E' iniziato oggi in Cina il processo a un chirurgo e altre quattro persone accusati di aver aiutato un ragazzo a vendere un rene per acquistare un iPhone e un iPad 2. Il ragazzo, Wang Shangkun, 18 anni, si trova oggi in gravi condizioni di salute dopo essersi sottoposto lo scorso anno a un espianto illegale.

I cinque imputati sono accusati di lesioni volontarie e traffico illegale di organi per aver rimosso e venduto il rene; se riconosciuti colpevoli rischiano dai tre ai 10 anni di carcere.
Citando documenti giudiziari, il quotidiano cinese China Daily ha precisato che Wang accettò di vendere un rene dopo aver contattato un'agenzia illegale on-line.

La madre del ragazzo ha però smentito che l'intento del ragazzo fosse quello di acquistare iPhone e iPad: "Mio figlio è stato adescato dai trafficanti di organi e potrebbe aver avuto paura di farsi trovare con tanti soldi, per questo ha comprato un cellulare e un computer portatile".

Il rene è stato venduto per 150.000 yuan (23.600 dollari) e 10.000 dollari in contanti.

All'inizio del mese, la polizia cinese ha arrestato 137 persone, tra cui medici, sospettate di far parte di un'organizzazione dedita al traffico di organi.

Fonte: China Daily →

Potrebbe interessarti

  • Come scegliere salumi e affettati senza correre rischi per la salute

  • Via alla svendita anti-deficit: lo Stato mette in vendita i suoi tesori

  • 10 alimenti che devono essere conservati fuori dal frigo

  • Gelato artigianale, business sempre più gustoso: in Italia il giro d'affari è di 3 miliardi

Più letti della settimana

  • Tour de France 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Lotto e SuperEnalotto, estrazioni di oggi: i numeri vincenti di martedì 16 luglio 2019

  • Temptation Island 2019: puntate, anticipazioni e coppie

  • Fine delle speranze: trovato morto Stefano Marinoni, il ragazzo scomparso dal 4 luglio

Torna su
Today è in caricamento