Vigile muore e lascia soli moglie e 7 figli: i colleghi gli pagano il mutuo

I colleghi di Giuseppe Romano, deceduto nel 2016 dopo essere caduto da un albero, hanno risposto all'appello della sua famiglia, che non riusciva più a pagare la rata del mutuo e rischiava di perdere la casa

Foto di repertorio

Nell'agosto del 2016 il vigile urbano Giuseppe Romano, di Palermo, perse la vita a 54 anni dopo essere caduto da un albero, lasciando una moglie e sette figli con un mutuo da pagare. Una rata da 800 euro al mese che con il passare del tempo è diventata insostenibile per la famiglia, che rischiava di perdere la casa. Poi è arrivato l'appello della moglie di Romano, subito accolto dai colleghi del marito, che senza pensarci troppo hanno fornito il loro aiuto economico.

A raccontare questo gesto di solidarietà sul Giornale di Sicilia è stato il comandante della municipale Gabriele Marchese: "Un aiuto concreto ai parenti di un collega che con tanti sacrifici portava avanti la sua famiglia, non potendo sostituirlo negli affetti".

"Sono rimasto sorpreso dalla sensibilità dimostrata dai colleghi, - ha commentato il comandante Marchese al Giornale di Sicilia. - La raccolta non è una tantum, ma ha l'obiettivo di dare quel sostegno che un padre come Giuseppe dava alla sua famiglia".

Come confermato dalle parole del comandante Marchese, l'aiuto che serve non è soltanto economico: "Non possiamo sostituire una persona negli affetti ma ci affianchiamo per far sentire il meno possibile l'assenza. Certo, - conclude il comandante dei vigili sulle pagine del Giornale di Sicilia- trovare un'occupazione alla moglie, che le consenta di essere indipendente, sarebbe la cosa migliore. Al momento diamo la nostra disponibilità perché possa ricontrattare il mutuo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte: Giornale di Sicilia →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento