WhatsApp, nuovo allarme sicurezza: "Non aprite questo file"

È sufficiente un file MP4 apparentemente innocuo per mettere in ginocchio la sicurezza di WhatsApp. Facebook, proprietaria dell'app, avverte gli utenti per un "virus spia" che potrebbe inserirsi nei telefoni e rubare informazioni dalla memoria

Un file Mp4 può mettere a rischio la sicurezza di WhatsApp, l'applicazione di messaggistica istantanea più popolare al mondo. L'alert è stato lanciato dalla stessa società di proprietà di Mark Zuckerberg che consiglia agli utenti di aggiornare l'app all'ultima versione in cui è stata inserita una correzione di sicurezza per evitare che malintenzionati possano prendere il controllo del dispositivo.

Il problema è stato classificato come "critico". Il rischio che si potrebbe correre è essere derubati delle informazioni presenti nella memoria interna del cellulare (foto, video, etc.) o attivare il microfono per spiare l'utente, sempre da remoto. 

"WhatsApp lavora costantemente per migliorare la sicurezza del servizio. Rendiamo pubblici i potenziali problemi che abbiamo, risolvendoli con le migliori pratiche del settore. In questo caso, non vi è motivo di credere che gli utenti siano stati colpiti", ha spiegato un portavoce.

Secondo il sito GbHacker, le versioni interessate da questo problema sono, nello specifico, quelle precedenti alla 2.19.274 su Android (e alla 2.19.104 per quanto concerne Whatsapp Business), alla 2.19.100 su iOS (e alla 2.19.100 per Business), e pari o inferiori alla 2.18.368 su Windows Phone.

Per mettersi al sicuro gli utenti devono mantenere l'applicazione aggiornata e non aprire file o filmati (in particolare quelli con estensione MP4) provenienti da fonti non conosciute.

Non è la prima volta che le difese di WhatsApp vengono messe in ginocchio da una dinamica di questo tipo: il mese scorso era stata lanciato un allarme simile, con una falla da sfruttare mediante l’invio di una GIF appositamente corrotta.

Fonte: Gb Hackers →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento