Natale, occhio al ‘binge drinking’: cos’è e come evitarlo

Durante le feste ci si riunisce, si brinda e si possono superare in poco tempo i limiti di consumo alcolico: i consigli dell’esperta per non esagerare

Il rito della catena di cene e pranzi e, ancora, di pranzi e cene natalizi è ufficialmente iniziato come in ogni periodo che rende il cibo il filo conduttore della convivialità e l’alcol l’immancabile elemento. Ma attenzione: "Il limite di consumo ormai accettato a livello internazionale è di due unità alcoliche al giorno per un uomo e di una per la donna. Una unità alcolica corrisponde a 125 ml di vino di media gradazione alcolica (sui 12 gradi), oppure a 40 ml di superalcolico, oppure a una birra da 33 ml a bassa gradazione (4-4,5 gradi)” spiega all'Adnkronos Salute Maria Luisa Attilia, responsabile clinica del Centro di riferimento alcologico della Regione Lazio - Asl Roma 1, che aggiunge come “durante le festività si arriva facilmente a consumare 4 o 5 unità alcoliche al giorno, una quantità che corrisponde al 'binge drinking'".

"Non si pensi che sia difficile arrivare a quantità da 'binge drinking'. Durante le feste ci si riunisce, si brinda e si possono superare in poco tempo i limiti di consumo alcolico", aggiunge l’esperta a proposito della facilità di sbronzarsi tanto e spesso in questo periodo: "Le persone con un problema di alcolismo - durante le festività ricadono più facilmente nella dipendenza, così come avviene anche durante l'estate: si sentono questi periodi dell'anno come momenti stressanti, di solitudine o di forzata vicinanza, e dunque a rischio di ricaduta. Ed è per questo che cerchiamo di non chiudere il nostro centro, per mettere a disposizione di chi ne ha bisogno anche in questi giorni un punto di riferimento".

Binge drinking: i consigli per evitarlo

Quali sono dunque i consigli da seguire a tutela della nostra salute? "Il primo consiglio è che chi guida non deve bere. Bisogna poi evitare sempre di assumere alcolici a stomaco vuoto perché, bevendo senza aver mangiato, l'assorbimento dell'alcol è massimo. Ecco perché i nostri nonni mangiavano del pecorino con il vino, e in Sud America le donne usano assumere un po' di olio prima di consumare alcolici", sottolinea Attilia.

Attenzione poi a "chi non è abituato a bere: farlo all'improvviso, magari in grandi quantità - spiega Attilia - provoca ancora più danni e, ad esempio, un giovane che beve molto all'improvviso rischia molto più facilmente il coma etilico. Ormai sono sempre più comuni i ricoveri per questi motivi: il fegato di un adolescente non ha potenziato le sue capacità enzimatiche di metabolizzazione dell'alcol ed è per questo che i giovani rischiano di andare incontro a questo terribile evento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Importante anche "l'aspetto della differenza di genere: le donne sono più suscettibili al danno tossico da alcol e, per questo, le dosi da non superare dettate dalle autorità sanitarie internazionali sono più basse per le donne. Sotto Natale, poi, bisogna ribadire un'indicazione ancora oggi molto sottostimata: le donne che vogliono una gravidanza o che sono in stato interessante non devono bere. Zero alcol per loro, perché la sindrome feto-alcolica è un disturbo molto grave a livello fisico e cognitivo che non è ancora chiaro con quali dosi di alcol possa insorgere. E' stata osservata in donne che hanno assunto semplicemente alcol, non vere e proprie alcoliste", precisa in conclusione l'esperta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Heather Parisi: "La seconda quarantena a Hong Kong? Ecco come stanno davvero le cose"

  • Coronavirus, dagli alimenti alle banconote: a cosa stare attenti quando facciamo la spesa

  • Coronavirus, l'appello disperato di Linda da Londra: "Ci lasciano morire soli a casa come animali"

  • Coronavirus, perché i contagi restano stabili: "Il paradosso del plateau"

  • Coronavirus, Renga: "Nella mia Brescia una tragedia, i nonni non ci sono più"

  • Coronavirus, medico muore a 61 anni. L'ultimo post su fb: "Non uscite, è l'unica arma che avete"

Torna su
Today è in caricamento